rotate-mobile
Elezioni San Michele Salentino

Elezioni comunali: a San Michele Salentino una poltrona per due, è sfida tra Allegrini e Chirico

Il primo cittadino uscente ci riprova ma a differenza di cinque anni fa non ci sarà il centrodestra che non ha trovato la quadra ed è fuori dalla competizione. Elettori chiamati alle urne domenica 12 giugno

SAN MICHELE SALENTINO - Alla fine sarà sfida a due nel piccolo Comune di San Michele Salentino dove il prossimo 12 giugno i cittadini saranno chiamati al rinnovo del consiglio comunale. Alle ore 12 di oggi, sabato 14 maggio 2022, sono state presentate solo due liste, e per i ben informati, è un fatto mai accaduto prima nella storia politica del territorio. 

L'uscente Giovanni Allegrini guiderà la compaggine "72018" di cui fanno parte i candidati consiglieri Vitantonio Scatigna, Michele Salonna, Michele Cordari, Antonio Cosimo Vitale, Angela Martucci, Tiziana Barletta, Rosalia Fumarola, Luigi Madaro, Anna Isabella Cicirielli, Mario Marzella e le new entry Marianna Matarrese e Gabriele D'Amico. Antonio Chirico detto Tonino, con la lista "Comitato No Enfiteusi" schiera, invece, Vito Barletta, Vittorio Chirico, Doriana Meleti, Maria Addolorata Ligorio, Saverio Ligorio, Donato Ligorio, Alessandro Pagliara, Maria Addolorata Rubino, Michela Vitale e Marco Vincenzo Vacca. 

E', completamente, fuori dai giochi elettorali il centrodestra che ha tentato fino a ieri sera (venerdì 13 maggio), secondo indiscrezioni, di trovare una soluzione unitaria con la mediazione dei referenti provinciali Vittorio Zizza per la Lega Salvini e Luigi Caroli per Fratelli d'Italia. Ma nessuna apertura da parte dell'ex consigliere comunale Alessandro Tamburrino che, dopo l'allontanamento dal 'padrino' Alessandro Torroni e la decisione di dichirarsi indipendente, aveva deciso di correre da solo con una lista di giovani lontani dalla "vecchia politica". Decisione naufragata, pare, per mancanza di candidati consiglieri. L'altro centrodestra, quindi, pare avesse puntato o sulla ricandidatura dell'ex sindaco Pietro Epifani o, secondo quanto sarebbe emerso in una delle ultime riunioni, su Alessandro Torroni come ultima alternativa. Nulla di fatto, però. L'ufficio elettorale ha atteso (invano) fino alle 12. 

La dichiarazione di Giovanni Allegrini

"La mancata presentazione di lista e candidatura da parte dell’area di centrodestra a San Michele Salentino è per me motivo di profonda delusione. Il dialogo costruttivo della campagna elettorale con un progetto alternativo al nostro è il sale della democrazia ed è lo stimolo a fare meglio nell’interesse della comunità che ci candidiamo ad amministrare. Forze esterne al paese credendo di poter attingere ad un serbatoio di voti hanno ottenuto l’unico risultato di sottrarre ai cittadini di San Michele una dialettica elettorale sul futuro che li riguarda, tarpando probabilmente le ali ad una nuova classe dirigente che quella parte politica poteva generare. Per quanto ci riguarda continuiamo una campagna elettorale con maggiore convinzione e determinazione, consapevoli del ruolo che ha la nostra comunità e coscienti della necessità di doverla difendere con la buona politica".

La dichiarazione di Antonio Chirico

"Oggi per il nostro paese non è stata una buona giornata. La mancanza della destra sanmichelana alle prossime elezioni comunali mi fa star male. Un dramma politico che vorrei si risolvesse subito. Dovrei essere contentissimo ma non lo sono. Avrei voluto sapere e conoscere del loro lavoro fatto in questi cinque anni passati e avrei voluto confrontarmi sui loro progetti e sul mio, sull'enfiteusi. Pazienza, mi dispiace e capisco il loro momento triste". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni comunali: a San Michele Salentino una poltrona per due, è sfida tra Allegrini e Chirico

BrindisiReport è in caricamento