Scrutinatore scatta foto a registro elettori: allontanato dalla sezione

Lo scrutinatore avrebbe spiegato di aver premuto il pulsante della fotocamera accidentalmente. A Villa Castelli i carabinieri hanno sequestrato il telefono cellulare di un elettore

MESAGNE – Intervento di polizia e carabinieri nella sezione numero 20 della scuola Carducci a Mesagne dove uno scrutinatore avrebbe fotografato il registro degli elettori. La presidente di seggio lo ha allontanato chiedendo l’intervento delle forze dell’ordine. Lo scrutinatore avrebbe spiegato di aver premuto il pulsante della fotocamera accidentalmente. Sembrerebbe, inoltre, che la presunta foto abbia riguardato la parte bianca del registro. Aspetti che verranno chiariti successivamente dalla Digos, diretta dalla vice questore Rosalba Cotardo. A Mesagne è in corso anche l’elezione del sindaco. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Villa Castelli, invece, un elettore è entrato nel seggio scordandosi di lasciare il telefonino fuori dalla cabina. Dopo aver votato, gli è arrivata una telefonata. I carabinieri hanno sottoposto a sequestro il cellulare per gli accertamenti del caso. Ad ogni modo non sarebbe stata scatatta alcuna foto sulla scheda. Il voto non è stato invalidato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Sversavano tonnellate di veleni: Brindisi come la "Terra dei Fuochi"

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento