menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra, D'Attis, Massari, Vitali e Oggiano

Da sinistra, D'Attis, Massari, Vitali e Oggiano

Forza Italia presenta gli "illustri sconosciuti" di Massari

Presentata su lungomare Regina Margherita, all'esterno del bar Betty, la lista dei candidati al consiglio comunale di Forza Italia, in sostegno del candidato sindaco Nicola Massari

BRINDISI - Presentata su lungomare Regina Margherita, all'esterno del bar Betty, la lista dei candidati al consiglio comunale di Forza Italia, in sostegno del candidato sindaco Nicola Massari. Una trentina di sedie, un tavolo, qualche sparuto cartellone elettorale, recante il simbolo del partito e il nome del candidato sindaco, e un microfono, sta tutta qui la macchina organizzativa di un partito che aveva abituato gli italiani a ben altre scenografie da campagna elettorale, non è passato neppure un lustro (settembre 2012) da quando Silvio Berlusconi salpò per l’italico mare a bordo di una nave da crociera

Una scelta, quella di una campagna contro gli sperperi, voluta, come ha più volte ripetuto il capogruppo regionale di Forza Italia, Luigi La presentazione della lista di Forza Italia-2Vitali, presente quest’oggi: “Una campagna fatta con nomi nuovi, illustri sconosciuti. Con pochi mezzi, lo stretto necessario, riusciremo nel nostro obiettivo: il ballottaggio - dichiara, sbracciandosi e con uno spirito più vicino alle ideologie pentastellate che al dogma berlusconiano, Vitali - noi (Forza Italia, ndr) a Brindisi non dovremmo neppure fare la campagna elettorale, dopo i pessimi risultati del centrosinistra. Il Partito democratico deve pagare pegno per quello che ha fatto in città”.

Vitali punta il dito verso il partito (Pd) facente capo a Nando Marino, per il quale però “ho una grande stima”, ma soprattutto verso “le vecchie facce”, quei consiglieri dell’amministrazione Consales che hanno deciso, chi da una parte, quella di Nando Marino, chi dall’altra, quella di Angela Carluccio, di ricandidarsi alle elezioni del 5 giugno.

Anche Massimiliano Oggiano e Mauro D’Attis (Forza Italia), che sedevano fra i banchi dell'opposizione, erano presenti quest’oggi. “Sono felice di essere qui, insieme a queste persone – dichiara Mauro D’Attis - qui davanti abbiamo personalità differenti: militari, giardinieri, estetiste, imprenditori”.

La presentazione della lista di Forza Italia 2-2-2Dopo l’elenco dei vari candidati, D’Attis, vice sindaco durante l’amministrazione Mennitti, ricorda proprio il primo cittadino Domenico Mennitti. “L’amministrazione, fatta da noi con Mennitti – afferma D'Attis - non ricevette neppure un avviso di garanzia”.
Un breve intervento di Massimiliano Oggiano, che spiega come abbia voluto lasciare il passo, non candidandosi, davanti a questi illustri sconosciuti (si, è un termine usato spesso in questa presentazione), ed è la volta del candidato sindaco della coalizione di centrodestra, Nicola Massari.

Inizia col spiegare le vere ragioni della sua discesa in campo (la “chiamata alle armi” da parte di Luigi Vitali) e con la sua vena da provocatore, tra una citazione di Papa Giovanni e un’altra di Silvio Berlusconi, invita i restanti candidanti sindaco a mostrare, esclusivamente “su Facebook”, i propri carichi pendenti: “Vogliamo sapere se ci sia o no la possibilità che anche il prossimo sindaco di Brindisi venga invitato presso l’Hotel via Appia” dichiara Massari tra gli applausi dei presenti.

Tra i capisaldi di questa discesa in campo, l'università, da salvare a tutti i costi, anche chiedendo una sponsorizzazione all’Enel “come ha fatto l’università della Basilicata con Eni” o attingendo da una parte delle risorse destinate al Teatro Verdi, altro punto cruciale del programma. 

Qualche parola anche sulla Tari, un argomento talmente serio, vista la ricaduta che ha e avrà sulle famiglie brindisine, da occupare le agende di tutti i candidati sindaco di queste elezioni e che, almeno per il momento, ha una sola certezza, si deve pagare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento