Elezioni

Sfuriata di Errico. Che rischia di trovarsi alleati scomodi

Nel Pd lo propongono gli ex fedelissimi di Consales. Intanto ci sono anche ex consiglieri che offrono consulenze per la nuova legge regionale di sostegno ai redditi più bassi

BRINDISI – Michele Errico vicinissimo alla rottura definitiva con il Pd ufficiale, che per qualcuno sarebbe invece già avvenuta, ma vicino anche ad una alleanza con quell’area del partito che è stata filo-Consales sino alle estreme conseguenze. O almeno, da quanto si è appreso, lui è il loro candidato, annuncio fatto in sede di confronto nella commissione presieduta dalla commissaria regionale Sandra Antonica. Questo il paradosso tratteggiato dalle fonti ufficiose, che narrano dell’arrivo in riunione di Raffaele Mauro con questa proposta, in antagonismo con la possibile candidatura di Nando Marino.

post ribezzi-2Il notaio ed ex presidente della Provincia, cui viene attribuita una sfuriata recentissima anti-Emiliano, ne sa qualcosa delle preferenze manifestate nei suoi confronti da chi aveva fortificato Palazzo Granafei Nervegna contro ogni assalto del governatore della Puglia e del Partito democratico di stretta osservanza della linea regionale? Proprio loro, quelli rimasti con un pugno di mosche dopo il blitz della Digos e della procura di Brindisi del 6 febbraio scorso, altrimenti mai domo e disposti metaforicamente a sloggiare?

Sempre secondo fonti ufficiose, un contatto vi sarebbe stato. Quindi Raffaele Mauro è andato in riunione mercoledì sera non certo per bluffare. Ma l’alleanza sembra improponibile, perché farebbe allontanare molto velocemente dal notaio ogni alleato di sinistra. Tuttavia questa resta una marcia di avvicinamento alle elezioni davvero strana, priva di slanci, senza movimenti di opinione pubblica in campo. E con segnali molto lontani ancora dal disegno di un cambiamento reale.

Il Pd comunque una scelta sembra averla già fatta: riproporre una coalizione con i centristi, ma quelli che rispondono al coordinatore regionale Cassano e a quello provinciale Argese, che notoriamente  non hanno più nulla da spartire con il gruppo che ha in Massimo Ferrarese il leader e in Marcello Rollo il fiduciario locale. Gente quest’ultima che non se ne starà a guardare, per tentare ancora una volta di condizionare le scelte amministrative. Pioggia di liste civiche all’orizzonte, dunque. E caccia ai voti riaperta.

post giannace-2Facebook non costa niente, e due degli ex consiglieri ci riprovano ad agganciare consensi. Basta dare un’occhiata ai post-fotocopia pubblicati sulle rispettive pagine da Rino Giannace e Umberto Ribezzi. I due utilizzano una misura della Regione Puglia voluta da Emiliano, che assegna supporti al reddito sino a 600 euro al mese alle famiglie con Isee molto bassi, annunciando che “è stata approvata anche a Brindisi” (ma da chi?), e che per le domande ci si può rivolgere ai Caaf, o utilizzare il portale della Regione Puglia.

Oppure, guarda caso, per “ulteriori informazioni chiamare ex consigliere comunale”, invito seguito da nome e numero del telefono cellulare dei due autori della trovata. Che dire: a tornare in circolazione al municipio saranno in tanti a provarci.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfuriata di Errico. Che rischia di trovarsi alleati scomodi

BrindisiReport è in caricamento