menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Pietro Vernotico: in due settimane contagi aumentati del 600 percento

Allarmanti i dati divulgati dal sindaco Pasquale Rizzo: "Necessaria l’adozione di specifici provvedimenti stringenti prima di Pasua"

SAN PIETO VERNOTICO – In dieci giorni i contagi sono raddoppiati, passando da 21 a 40. Anche a San Pietro Vernotico è nel pieno della terza ondata di Covid. I dati aggiornati a giovedì (18 marzo) divlgati dal sindaco Pasquale Rizzo sono eloquenti, se rapportati a quelli delle settimane precedenti. “Il 3 marzo – spiega il primo cittadino - avevamo 13 segnalati di cui 7 positivi ed i restanti in attesa di tampone od isolamento fiduciario, L’8 marzo avevamo 35 segnalazioni di cui 21 positivi e gli altri in isolamento fiduciario. L’ultimo rapporto ricevuto ieri e riferito al 18.3 ci ha fatto ripiombare a 155 segnalati di cui 40 positivi, ed il resto in attesa di tampone od isolamento fiduciario. In 15 giorni un aumento dei segnalati del 1200 percento circa, e dei positivi del 600 percento circa”. 

“Ma del resto spesso i tentativi volti a far comprendere l’importanza di comportamenti responsabili - si legge in una nota di Rizzo - si scontrano con atteggiamenti ottusi, addirittura di intolleranza. Sembra quasi un gioco al sotterfugio per incontrare amici o violare le regole, sentendosi immuni da pericoli (nel mentre magari si sta subendo l’aggressione del virus, favorendone peraltro la diffusione, spesso senza accorgersene)”.

“Eppure sarebbe sufficiente, al fine di elaborare diversi approcci al problema, pensare al sacrificio e la difficoltà di un commercio in ginocchio, di settori ormai allo stremo, dopo un anno di continuo sacrificio. Il presidente della Regione Puglia- prosegue Rizzo - ha probabilmente in animo di adottare provvedimenti da zona rossa rafforzata. Agli inizi della prossima settimana saranno certamente adottati da tutti i sindaci della Provincia di Brindisi alcuni provvedimenti condivisi: ma accanto ad essi, perdurando tale situazione, si renderà necessaria l’adozione di specifici provvedimenti stringenti, onde evitare che durante il fine settimana che precede Pasqua, e, soprattutto, in alcuni giorni nel periodo delle vacanze Pasquali, qualcuno pensi di poter  organizzare incontri conviviali  tra amici e familiari. Si attendono i dati aggiornati per verificare l’evoluzione della situazione, ma i dati come sopra indicati lasciano poco margine di speranza, se si aggiungono a quelli della situazione delle strutture ospedaliere in Puglia”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento