menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale Perrino: “Ferie forzate per 21 operatori sanitari non vaccinati”

Tre i medici interessati dal provvedimento dell'Asl Brindisi. Fp Cgil: "Favorevoli ai vaccini, contestiamo la modalità"

BRINDISI - Sono 21 i sanitari non vaccinati contro il Covid-19 e che prestano servizio all'ospedale Perrino di Brindisi, tra questi 2 medici (uno di Geriatria e uno di Medicina Interna) e per questo la Asl ha emanato un provvedimento di ferie forzate per la tutela della salute sul posto di lavoro e garantire la sicurezza delle cure dei parenti.

Una decisione sulla quale ha espresso parere positivo il presidente della commissione bilancio e programmazione della regione Puglia, Fabiano Amati: “La Asl Brindisi sta applicando correttamente le leggi vigenti nei confronti degli operatori sanitari, tutelandoli anche da se stessi. Nessun operatore sanitario – prosegue - può decidere liberamente di contagiare i pazienti e i suoi colleghi. Il vaccino anti-Covid è un trattamento sanitario di prevenzione e a valore collettivo, per cui già in generale non sarebbe possibile obiettare, figurarsi tra gli operatori sanitari."

Non obietta sulla decisione della Asl la funzione pubblica della Cgil Brindisi che contesta solo la modalità con cui sono stati trattati i lavoratori ovvero la gestione di tale complessa problematica. La Fp si dice da sempre favorevole al vaccino poichè, ad oggi, "è l'unico mezzo idoneo per raggiungere l’immunità di gregge". La segreteria della Fp Cgil Brindisi, pertanto, "si rende disponibile a una proficua collaborazione propedeutica all’ampliamento del piano vaccinale ed è pronta a collaborare con tutti gli altri attori istituzionali al fine del raggiungimento della prevista immunità di gregge."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento