rotate-mobile
Emergenza Covid-19

"Per noi nessuna stabilizzazione, usati come merce di scambio"

Lettera di un gruppo di ex ausiliari precari della Sanitaservice, chiamati a prestare servizio durante l'emergenza Covid-19 fino all'1 novembre 2021

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un gruppo di ex ausiliari precari della Sanitaservice, chiamati a prestare servizio durante l'emergenza Covid-19 il cui contratto, all'1 novembre 2021, è terminato prima della naturale scadenza fissata per il 31 dicembre 2021, senza nessuna stabilizzazione come avverrà per altri lavoratori.

Chi vi scrive é un gruppo di ex ausiliari precari della Sanitaservice che hanno prestano servizio presso l'ospedale Perrino di Brindisi, dall'aprile 2020 all'1 novembre 2021(il contratto scade il 31 dicembre 2021) per far fronte all'emergenza Covid-19. Siamo figli di un tragico epilogo, tristemente annunciato a febbraio, siamo quelli  del "dietro le quinte" di cui poco si parla. Siamo vittime di un piano meschino, studiato a tavolino e tenuto, intenzionalmente, sottobanco.

Ma anche noi abbiamo vissuto il Covid in prima persona. Abbiamo visto la paura negli occhi dei pazienti, abbiamo combattuto contro le nostre ansie, contro l'angoscia di portare il "mostro" nelle nostre case. Abbiamo contratto il virus, siamo guariti e no, non ci siamo nascosti, siamo ritornati più forti di prima. Ma tutto ciò non è stato abbastanza. Questa è la fine.  Non eravamo che numeri.

Siamo stati pagati per aver reso questo servizio, ma i soldi vanno aldilà di quello che abbiamo provato, visto e sentito sulla nostra pelle. Lo abbiamo fatto con dedizione e garbo perché era un lavoro che ci piaceva e che ci ha regalato piccole soddisfazioni.
Purtroppo siamo stati usati come merce di scambio da chi ha potuto ribaltare una sentenza di Stato in virtù di chissà quale magico potere.

Anche noi ausiliari, come gli Oss, siamo stati ricollocati nella cooperativa Colser di Parma per la pulizia degli immobili Asl, anche noi, ininterrottamente, abbiamo lavorato 18 mesi senza chiedere nulla in più che non ci potesse essere dato, anche noi avremmo potuto avere una chance in più per essere stabilizzati lì dov'eravamo (i presupposti c'erano tutti). Ma in fondo é sempre un contratto non determinato, no?!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Per noi nessuna stabilizzazione, usati come merce di scambio"

BrindisiReport è in caricamento