menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Fasano il "tampone solidale", per chi ne ha bisogno

Come il "caffè sospeso" di Napoli: si permetterà di ricevere gratuitamente un test antigenico a tutti coloro che non possono sostenerne la spesa

FASANO – L'Amministrazione comunale di Fasano ha deciso di patrocinare il progetto "Tampone solidale". L'iniziativa, promossa dall'associazione "Humanamente", è a favore dei soggetti più fragili del territorio. Sulla scia del famoso "caffè sospeso" nato a Napoli, il progetto permette a tutti di poter vivere con serenità questo periodo di emergenza sanitaria. Versando un contributo di 20 euro si permetterà di ricevere gratuitamente un tampone antigenico a tutti coloro che, per esigenze legate a gravi malattie o in difficoltà economica, non possono sostenerne la spesa.

tamponesolidale-2

Il contributo andrà a coprire parte del costo del tampone: il resto sarà offerto da Humanamente grazie al "Fondo di solidarietà", nato proprio con la finalità di finanziare consulenze, prestazioni e ogni tipo di servizio, offerto dall’associazione a chi non ha i mezzi. I cittadini potranno segnalare la propria necessità o quella di altri scrivendo all’indirizzo humanamentefasano@gmail.com, telefonando allo 080-32.12.174 o recandosi presso la sede dell'associazione in via Gramsci 12 a Fasano.

Chiosano dal Comune di Fasano: "Siamo particolarmente grati all'associazione Humanamente e a tutti i volontari che hanno deciso di sostenere le persone più fragili, il cui stato di salute è già compromesso da patologie pregresse o che per difficoltà economiche vivono nella paura e nell'incertezza. Un progetto che regala serenità e fratellanza e che merita tutto il nostro sostegno". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Attualità

Polveri sottili in Puglia: nel Brindisino il record di superamenti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento