menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Mesagne 52 positivi in un giorno, il sindaco: "Vi supplico di restare a casa"

Chiuse tutte le scuole, i parchi e gli impianti sportivi comunali ed emesso il divieto di stazionamento dalle 5 alle 22. Intensificati i controlli

MESAGNE - In un giorno 52 nuovi casi di positivi al Covid-19 a Mesagne, 127 negli ultimi cinque giorni. Una situazione allarmante che ha spinto il sindaco Toni Matarrelli nella tarda serata di ieri a lanciare un appello ai mesagnesi attraverso una diretta Facebook. Il primo cittadino, che solo qualche giorno fa si faceva promotore di un fronte comune con gli altri sindaci del Salento per chiedere al Governo situazioni alternative al coprifuoco per evitare la morte del turismo, adesso chiede a gran voce di rimanere chiusi in casa. Con ordinanza numero 9, inoltre, oggi ha chiuso tutte le scuole. 

Due focolai importanti sono scoppiati a Mesagne negli ultimi giorni: uno in una fabbrica di conserve e l’altro nella scuola dell’Infanzia Mirò. Nel primo caso tutti i dipendenti sono stati sottoposti a tampone. 

“Questi numeri, mai visti in città, fanno presagire ulteriori aumenti dei contagi nei prossimi giorni. Si rischia una crescita esponenziale e perdita vite umane. L’unico strumento che abbiamo per spegnere i focolai è quello di evitare i contatti di ogni genere. Almeno per i prossimi dieci giorni”. 

Alla vigilia della Zona Arancione, Matarrelli chiede ai mesagnesi di chiudersi in casa e rinunciare a tutti i tipi di incontri, anche quelli consentiti. Nella giornata di oggi, inoltre, sono stati intensificati i controlli. 

Cosa prevede l'ordinanza

L’ordinanza numero nove, oltre alla chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado prevede anche altre misure. 

La chiusura temporanea di tutti gli impianti sportivi comunali, campetti di quartiere nonché delle aree gioco ed aree attrezzate presenti all’interno di parchi, giardini e piazze comunali; la chiusura dei distributori automatici per la somministrazione di alimenti e bevande, presenti sul territorio comunale, dalle ore 18 alle ore 05del giorno successivo; la chiusura di tutti i mercati presenti sul territorio comunale, ad esclusione degli operatori che svolgono attività dirette alla vendita di soli generi alimentari; il divieto di stazionamento delle persone dalle ore 5 alle ore 22 nelle aree pubbliche. 

Inoltre il sindaco raccomanda: ai titolari/conduttori di punti vendita di generi alimentari e di altri prodotti non alimentari mediante distributori automatici, ubicati sul territorio comunale, di procedere più volte al giorno alla sanificazione con prodotti a base di alcol e cloro, delle postazioni e delle apparecchiature in ogni loro componente ed il rispetto puntuale del divieto di assembramento nei pressi delle proprie attività ed il contingentamento degli accessi. Alle Direzioni degli istituti bancari, finanziari, alle sedi postali e agli esercizi commerciali, ubicati sul territorio comunale, che hanno in uso dispositivi Pos e postazioni bancomat, di procedere più volte al giorno alla sanificazione con prodotti a base di alcol e cloro, dei dispositivi e delle postazioni bancomat in ogni loro componente. Alla Cittadinanza tutta di recarsi presso gli uffici pubblici e privati solo nei casi strettamente necessari. Alle associazioni che svolgono attività sportiva agonistica ed ai gestori di attività produttive consentite dai Dpcm, di osservare rigorosamente i protocolli di sicurezza anti-Covid. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento