Emergenza Covid-19

Vaccini, Rossi: "Ritrosie fra i 60enni, parecchi non si sono ancora prenotati"

Il sindaco fa il punto della situazione sulla campagna vaccinale: "Quasi tutti gli over 80 vaccinati, 70enni prossimi al 90 percento"

BRINDISI – Procede a rilento la campagna vaccinale nella fascia 60-69. Lo ha riferito il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, a margine delle celebrazioni del 75esimo anniversario della nascita della Repubblica che si sono svolte stamattina (mercoledì 2 giugno) in piazza Santa Teresa. Il primo cittadino ha spiegato che la situazione adesso è “buona”, con un numero giornaliero di contagi che nel Brindisino si attesta intorno ad alcune decine. “In città – dichiara Rossi - siamo scesi a circa 120 positivi, numero molto inferiore rispetto ai 400 di un mesetto fa”. Quasi tutti li over 80 sono stati vaccinati. I 70enni sono prossimi al 90 per cento. Discorso diverso, invece, per gli over 60. In questa fascia d’età, ad elevato rischio di contrarre l’infezione da Covid-19 in forma grave, il sindaco ha riscontrato qualche “ritrosia”.

“Parecchia gente – afferma Rossi - non ha ancora effettuato la prenotazione. Questo può essere un problema, perché è evidente che questa è una fascia a rischio. Bisognerebbe accelerare sui 60enne, convincerli. Io ho fatto il vaccino non appena ho potuto e non ho avuto alcun effetto collaterale. Invito tutti a farlo”.  I vaccini, del resto, rimarca Rossi, sono l’unica arma per sconfiggere questa pandemia, “meno che non vogliamo vivere tutti perennemente chiusi a casa, con la mascherina, ma questo non è un obiettivo perseguibile”. Infine Rossi ha annunciato che “a breve la campagna vaccinale si aprirà la tutte le fasce d’età e potremo esprimere piena potenzialità di tutti i centri: importante per arrivare a luglio con sufficiente tranquillità”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, Rossi: "Ritrosie fra i 60enni, parecchi non si sono ancora prenotati"

BrindisiReport è in caricamento