Emergenza Covid-19

Caso di Covid al Camberlingo: "Grazie a medici e infermieri di Medicina interna"

Gratitudine da parte della figlia di una paziente positiva per la quale non si trovano posti letto in strutture Covid

FRANCAVILLA FONTANA – “Anche loro stanno combattendo una grande battaglia e meritano tutta la nostra gratitudine”. Un sentito ringraziamento a medici, infermieri e operatori del reparto di Medicina Interna dell’ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana arriva da Daniela Papadonno, figlia dell’anziana paziente positiva al Covid che dalla sera di giovedì (29 ottobre) è in isolamento in una stanza del nosocomio francavillese, non attrezzato per casi Covid, in quanto non si trovano posti letto nei centri Covid della Regione.

La donna, già gravemente debilitata, era stata trasferita nei giorni scorsi dal centro riabilitativo San Raffaele di Ceglie Messapica al Camberlingo. Come previsto dal protocollo, è stata trattata inizialmente in Obi (Osservazione breve) prima del trasferimento in reparto, dopo essere stata sottoposta a un tampone risultato negativo. Ma nei giorni successivi, forse contagiata da un paziente positivo che si trovava nella sua stessa stanza in Obi, la donna ha contratto il Covid. 

Medici e infermieri, fin dall’arrivo dell’anziana, hanno utilizzato i Dpi, adottando tutte le cautele del caso. “Il personale del reparto di Medicina Interna diretto dal primario Giovanni Mileti - afferma Daniela Papadonno – si è comportato con umanità ed estrema professionalità. Sono estremamente grata nei loro confronti per come hanno preso a cuore il caso di mia madre, affrontando una situazione estremamente complicata, a causa della indisponibilità di posti letto per pazienti Covid nelle strutture della regione. Medici e infermieri meritano un plauso perché in prima linea, fra numerose difficoltà, stanno affrontando una sfida durissima, cercando di non far mancare nulla ai pazienti”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso di Covid al Camberlingo: "Grazie a medici e infermieri di Medicina interna"

BrindisiReport è in caricamento