Eventi

Torre Regina Giovanna, un'estate di concerti, dj set e picnic pomeridiani

Presentata negli spazi della Feltrinelli point di corso Umberto, a Brindisi, la programmazione estiva di Torre Regina Giovanna, una serie di appuntamenti con ospiti di caratura nazionale e internazionale nella caratteristica cornice dell'ormai storico spazio eventi pugliese

In alto un'immagine d'archivio di Torre Regina Giovanna, in basso un momento della presentazione del programma

BRINDISI - Presentata negli spazi della Feltrinelli point di corso Umberto, a Brindisi, la programmazione estiva di Torre Regina Giovanna, una serie di appuntamenti con ospiti di caratura nazionale e internazionale nella caratteristica cornice dell’ormai storico spazio eventi pugliesi.

Una splendida location e un’organizzazione che ha saputo offrire, negli anni, prodotti di qualità hanno fatto di Torre Regina Giovanna un punto di riferimento per la night life pugliese, centinaia gli artisti che hanno animato le nottate nella campagna brindisina, oltre agli eventi, tra tutti "La festa delle farfalle" e "Il funerale della Regina", diventati veri e propri must, appuntamenti imperdibili.

IMG_3270-2

Tante le novità in programma quest’anno, dai concerti del Baccatani wave festival, alle serate targate Transition, sinonimo di musica elettronica sul territorio brindisino, fino ad Hortus, una nuova iniziativa che offrirà a tutti una Torre decisamente inusuale. 

Saranno 4 i concerti cardine del Baccatani wave 2016 (nome preso a prestito dalla contrada che ospita la famosa torre, contrada Baccatani appunto, ndr): si parte il 9 luglio con il cantautore romano Fabrizio Moro; il 23 luglio toccherà ai napoletani Almamegretta, che per l’occasione si esibiranno con il producer Adrian Sherwood, gruppo seminale con una carriera ventennale alle spalle e collaborazioni con artisti come James Senese e gli inglesi Massive Attack; Max Gazzè salirà sul palco di Torre Regina il 6 agosto, mentre il gran finale del 16 agosto è affidato alla band britannica degli Skunk Anansie, nell’unica tappa nel sud Italia.

Cinque invece gli appuntamenti con Transition Lab, l’organizzazione brindisina porterà sotto la Torre, dal 29 luglio al 26 agosto, importanti dj e producer internazionali come Karenn e John Tejada solo per fare qualche nome.

Per quanto riguarda Hortus si tratta di una vera e propria novità, per la prima volta infatti Torre Regina vuole dare spazio ad occasioni di incontro “al calar del sole” nella fascia oraria in cui, solitamente, si rientra a casa dopo aver trascorso la giornata in spiaggia, si potrà quindi assaporare una frisa condita con pomodoro, olio, sale e origano, sorseggiare una birra artigianale, ascoltare un pregevole sottofondo musicale sotto la grande quercia. Per vivere un’esperienza sensoriale completa, lo staff di Torre Regina ha pensato di dare la possibilità a chi vorrà di coltivare personalmente un piccolo appezzamento di terreno dal quale ricavare gli ortaggi che andranno a completare gli aperitivi biologici della domenica.

Tra le novità di questa estate anche un occhio di riguardo all’arte, ogni appuntamento del cartellone avrà il tratto distintivo di uno degli artisti più cari alla Regina. L’apertura è dedicata al pittore russo Vasilij Kandinskij, tra i maggiori esponenti proprio della Bauhaus, ma protagonisti di questa scelta saranno anche Joan Mirò, Alberto Burri, Salvador Dalì, Vincent van Gogh e Jena Michel Basquiat.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre Regina Giovanna, un'estate di concerti, dj set e picnic pomeridiani

BrindisiReport è in caricamento