Martedì, 18 Maggio 2021
Eventi

Al via la quarta edizione del “Medieval Fest”: ecco il programma

Torna anche quest'anno, a Brindisi, il "Medieval Fest", giunto alla sua quarta edizione e promosso dalla sezione di Brindisi della Società Storia Patria per la Puglia

BRINDISI - Torna anche quest’anno, a Brindisi, il “Medieval Fest”, giunto alla sua quarta edizione e promosso dalla sezione di Brindisi della Società Storia Patria per la Puglia. La manifestazione, che si contraddistingue per la suggestiva rievocazione storica di Federico II, si terrà nei giorni 2 e 3 settembre prossimi, in occasione dei festeggiamenti dei Santi Patroni. Ed a tal proposito, va rimarcata la collaborazione con la Curia di Brindisi ed il Comitato Feste Patronali, nella persona di Don Adriano Miglietta, che ha mostrato grande disponibilità e sensibilità per la realizzazione dell’evento.

Una iniziativa dal forte valore storico, sociale e didattico che, come si è potuto verificare nelle trascorse edizioni, ha anche innegabili risvolti dal punto di vista turistico e della attrattività. L’evento, infatti, che nella edizione di ‘lancio’ ebbe come testimonial, nelle vesti dell’Imperatore Federico II, un attore del calibro di Michele Placido, si pone come obiettivo principale quello di promuovere il territorio, pugliese in generale e brindisino in particolare, attraverso lo studio e la riproposizione del Medioevo, dei ‘percorsi sacri’ e delle gesta del grande “Puer Apulia” Federico II. Basti pensare che negli anni passati il Medieval Fest ha attirato nella città di Brindisi migliaia di visitatori, oltre ad aver creato un affascinante scenario nel corso delle già suggestive celebrazioni dei Santi Patroni, facendo risaltare le peculiarità del periodo storico di riferimento: da un lato con le nozze di Federico II che, nel 1225, si sposò nella Cattedrale con Isabella di Brienne, dall’altro con l’arrivo delle spoglie in città di San Teodoro.  Non solo. L’evento ha ottenuto anche un particolare gradimento da parte dei giovani e dei bambini, i quali hanno potuto prendere contatto con la quotidianità medievale offerta dai vari figuranti e artisti di strada.

Quest’anno l’evento sarà spalmato in due giornate: venerdì 2 e sabato 3 settembre, presso il Bastione San Giacomo. Nello specifico, nelle giornate del 2 e 3 settembre, a partire dalle ore 18 con ingresso rigorosamente libero, si terrà “Il Bastione animato”: attività didattiche, spettacoli, combattimenti, musica, danze e teatro. Una serie di iniziative allieterà i visitatori, utilizzando uno spazio, il “Bastione” appunto, scarsamente utilizzato e conosciuto. Una sorta di esperimento, quest’ultimo, per valutare la fruibilità e fare in modo che il bene possa in un futuro non tropo lontano diventare un ‘bene comune’.

Ma cosa prevedono le iniziative al suo interno? Nel giardino di via Bastioni San Giacomo ci sarà un “Accampamento medievale” con percorsi didattici ed attività (Torneo di combattimento e Musica e scene di vita). Nell’ingresso del Bastione – lato via Nazario Sauro – ci sarà, invece, il “Borgo dei saperi e dei sapori” con la rievocazione degli antichi mestieri, musica, danze e ‘giullarate’ e la “Sala del banchetto” con degustazione di antichi sapori. Ed ancora, nell’Ipogeo del Bastione (via Nazario Sauro), si terrà l’”Investitura del Cavaliere”, con rappresentazioni teatrali a cura della scuola di recitazione “Talìa” e della Compagnia “Milites Friderici II”.

Venerdì 2 settembre, inoltre, alle ore 18,00, nel Bastione San Giacomo, ci sarà una giornata di incontri sulle tematiche medievali, la via Francigena e Federico II. Per l’occasione verrà distribuito un prestigioso volume sull’età sveva che vide Brindisi assurgere al ruolo di maggior città, dopo Napoli, nella parte continentale del Regno di Sicilia; Federico II, che qui celebrò le proprie nozze con la giovanissima regina di Gerusalemme Isabella di Brienne, considerò la città, in cui avevano sede la zecca e la banca di stato, caput terrarum maritimarum Apuliae, ossia il porto più importante del regno sull’Adriatico. A questo periodo storico, il 2013, fu rivolta l’attenzione di un convegno di studi i cui atti sono ora compresi in un volume che ha eccezionale importanza per la città. Illustri docenti universitari, infatti, quali il prof. Hubert Houben e appassionati studiosi, hanno analizzato ogni aspetto di quel periodo storico: personaggi, eventi quali le nozze o la spedizione verso Terra Santa, vicende urbanistiche, grandi cantieri quali quelli relativo al castello di Terra, all’arsenale e alla nuova cinta muraria che consentiva di quadruplicare le aree edificabili. Si tratta di un’opera che valorizza, attraverso saggi di grande valore, le persistenze della città medievale ed il loro valore evocativo.

Infine, la giornata clou, quella di sabato 3 settembre, quando - al termine dei fuochi d’artificio, sul Lungomare Regina Margherita - avrà luogo il “Corteo Storico – Federico II e la Crociata della Pace” che accompagnerà i Santi Patroni della città, Lorenzo e Teodoro, dal Lungomare sino al Duomo. In quella occasione, verrà rievocata la sontuosa festa in onore del grande Imperatore che, nel 1228, partì da

Brindisi alla volta di Gerusalemme e conquistò la Terra Santa senza colpo ferire, grazie alla sua magistrale arte della mediazione.

Un viaggio nel passato, mano nella mano, con dame, cavalieri, giullari, giocolieri, sbandieratori ed antichi mercanti.

Anche quest’anno, il Medieval Fest gode del patrocinio della Regione Puglia, della Provincia e del Comune di Brindisi.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via la quarta edizione del “Medieval Fest”: ecco il programma

BrindisiReport è in caricamento