"Caro amico", all'ex Fadda in scena il teatro delle ombre

  • Dove
    Ex Fadda
    Indirizzo non disponibile
    San Vito dei Normanni
  • Quando
    Dal 21/11/2015 al 21/11/2015
    20.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

SAN VITO DEI NORMANNI - All'ex Fadda in scena "Caro amico", uno spettacolo di teatro d'ombre di e con: Alaa (Syria), Seni (Senegal), Goran (Kurdistan), Shahin (Afghanistan), Attaur (Bangladesh), Sharafat (Afghanistan), Khalid (Pakistan), Khalid (Pakistan), Victor (Nigeria). A cura di Silvio Gioia, attore teatrante di Ceglie Messapica.

Lo spettacolo è frutto di un percorso teatrale realizzato in un progetto Sprar di Castrì (Lecce) fortemente voluto dall' èquipe psico-sociale dell'ente gestore: "Gus - Gruppo Umana Solidarietà". “Caro Amico” è l’inizio di una lettera a chi è lontano o il principio di una confidenza a chi è accanto o di fronte. In un gioco di luci e ombre, gli attori esprimono sé stessi, confidano al pubblico elementi della propria vita passata o desideri e speranze per il futuro.caro amico locandina-2

Ne risulta un lavoro ricco di un naturale carico di poesia ed ironia. Immagini, musiche e parole in un gioco in cui la recitazione, in quanto veramente sentita, diventa testimonianza e la testimonianza viene resa creativa con il gioco teatrale. Gli attori portano sul palco la propria voglia di integrazione, per cui hanno preferito esprimersi in italiano. Tuttavia, per tener fede alla loro spontaneità espressiva, si alternano scene recitate in lingua madre. La comprensione resta viva per la forza del linguaggio non verbale. 

Così, travalicando le differenze di espressione verbale, si insatura un canale comunicativo comune tra attori e pubblico per vivere un’esperienza in cui scoprire che il passato può essere diverso, anche in relazione al luogo di provenienza, ma i sogni e le speranze per il futuro sono simili in tutte le persone. Il teatro diventa un mezzo che abbatte le barriere sociali e geografiche tanto che, a questo punto, ci si meraviglia di come mai a volte esistano. 

La principale tecnica usata è quella del teatro d’ombre. Esso è considerato anche teatro "non-violento" poiché il grande telo bianco al centro del palco da un lato "protegge" l'attore dall'impatto frontale col pubblico, creando un clima intimo e rilassato, percepisce delle immagini finite ma vede delle sagome in movimento. Si entra così nel fascino di una dimensione onirica grazie all’ampio spazio che si dà all’immaginazione, piuttosto che al semplice guardare.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Il teatro a casa tua con "Indovina chi viene a Scena"; spettacoli in streaming

    • Gratis
    • dal 5 gennaio 2022 al 5 febbraio 2021
    • evento in streaming ore 19.30 https://www.rebellive.it/evento/gratuito/indovina-chi-viene-a-scena-a-brindisi-ore-1930 ore 21.00 https://www.rebellive.it/evento/gratuito/indovina-chi-viene-a-scena-a-brindisi-ore-2100
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento