"Tutti Solo" Marco Bardoscia in concerto alla Manovella

MESAGNE - Venerdì 26 gennaio alle 22.00 al Circolo Arci La Manovella di Mesagne in Piazza Criscuolo, 18, nuovo appuntamento musicale con il concerto dell’artista Marco Bardoscia, contrabbassista e compositore salentino, nato e cresciuto circondato dagli alberi di ulivo e dalla musica.

Il nonno, liutaio, oltre a costruire e suonare chitarre e mandolini, faceva il “mandatario”, ossia scriveva e “consegnava” serenate su commissione in cambio di formaggio, vino o olio. E così, nelle notti d'estate passate nell'aia in campagna, Marco vinceva la paura del buio restando coi grandi che cantavano, suonavano e si raccontavano storie. Nel corso degli anni attraversa i canti di chiesa, i canti del maggio, i dischi dei fratelli maggiori, fino ad arrivare, solco dopo solco, all’incontro col Jazz e con ‘quel solo’ di contrabbasso che accende in lui una lampadina e una passione: “da grande farò gli assoli di contrabbasso! ”. Studi classici e nelle orecchie sempre ‘quel solo’ e il jazz. Studia gli standards e al contempo colleziona esperienze musicali di vario tipo spaziando dal rock al pop, dalla musica etnica fino alla classica e al jazz. In equilibrio sulle quattro corde del suo strumento farà la conoscenza dei palcoscenici di molti festival in Italia, Belgio, Germania, Kosovo, Marocco, Olanda, Grecia, Turchia, Irlanda e Francia. Nel 2002 frequenta le clinics di Umbria Jazz e vince il premio al talento assegnato del Berklee College of Music di Boston guadagnandosi così il palcoscenico di Umbria Jazz Winter. Ha venti anni e vola a Parigi per inseguire un sogno che però non sta solo in un luogo. Torna a Lecce, poi Roma, di nuovo Lecce, di nuovo Roma fino a che, nel 2009, si stabilisce a Bruxelles. Da allora suona tutto, senza limitazioni di genere o stile, e la sua vita si divide tra Belgio e Italia con un’intensa attività compositiva, concertistica e discografica. A partire dal 2004 è presente in una quarantina di incisioni. Tra le più recenti si segnalano, per la Parco della Musica Records, etichetta dell'Auditorium di Roma, l’album di Paolo Damiani Double Trio uscito a giugno 2015 e il secondo disco del collettivo Puglia Jazz Factory, di cui è fondatore e membro stabile, in uscita a breve sempre per Parco della Musica Records, un album che prosegue l'avventura cominciata nel 2012 col cd "From the Hell". A proprio nome ha debuttato con "Opening" nel 2007 a cui ha fato seguito nel 2011 "The Dreamer" per My Favorite Records. “Solo Contrebasse – Tutti Solo - come ci racconta lo stesso Bardoscia - è l’ultimo disco di Bardoscia composto da varie forme musicali. Ci sono dentro canzoni, improvvisazioni libere e composizioni originali che, a parte l’ultima traccia costruita con alcune sovraincisioni, ho scelto di registrare senza mai utilizzare overdubbing o pedali o elettronica. Hallelujah I Love Her So, uno dei due standard contenuti nel disco, è stato scelto come sigla di apertura dello speciale Ghiaccio Bollente di RAI 5 “Il Jazz Italiano per L'Aquila”, che documenta l’omonimo evento del 6 settembre 2015 in cui oltre 50.000 persone si sono riversate nelle strade del centro storico del capoluogo abruzzese. La partecipazione al concerto è con prenotazione obbligatoria. La segreteria dell’associazione è aperta dal lunedì al venerdì dalle 18.00 alle 20.00 in Piazza Criscuolo 18, nel centro storico di Mesagne. Per maggiori informazioni e prenotazioni è possibile inoltre telefonare al numero 347 6169824.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Il teatro a casa tua con "Indovina chi viene a Scena"; spettacoli in streaming

    • Gratis
    • dal 5 gennaio 2022 al 5 febbraio 2021
    • evento in streaming ore 19.30 https://www.rebellive.it/evento/gratuito/indovina-chi-viene-a-scena-a-brindisi-ore-1930 ore 21.00 https://www.rebellive.it/evento/gratuito/indovina-chi-viene-a-scena-a-brindisi-ore-2100
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento