Libri, a Mesagne tornano i gialli di Palmisano

MESAGNE-  “Nessuno uccide la morte” è il titolo del nuovo romanzo sul caso del bandito Carlo Mazzacani, firmato da Leonardo Palmisano per Fandango Libri: sarà presentato con l’autore venerdì 18 ottobre alle 18.30 a Masseria Canali, a Mesagne.

L’evento organizzato dalla Cooperativa Terre di Puglia- Libera terra in collaborazione con il presidio di Libera Mesagne sarà moderato da Fabiana Agnello.

Con “Nessuno uccide la morte” Leonardo Palmisano regala la seconda avventura del bandito più scorretto, più ricercato e più leale della letteratura italiana. Un thriller su amore e amicizia.

Trama

È quasi Natale quando Elia Colucci, camorrista malato di Sla, sparisce mentre sta andando a incontrare in una valle della Calabria gli ’ndranghetisti, con cui deve discutere del futuro di Tamburi, il rione di Taranto di cui è a capo, l’unico rimasto fedele alle famiglie napoletane. Ad accompagnarlo il suo giovane fidanzato Matteo Maltempo che in Valle d’Itria gestisce un commercio illegale di alcolici sotto la copertura di una comunità spirituale. Dopo quell’incontro, di Colucci si perdono le tracce, mentre di Maltempo viene ritrovato il cadavere che porta i segni inequivocabili di una tortura violenta, quasi si fosse trattato di un omicidio rituale. Carlo Mazzacani è stato costretto a rimanere in Sardegna, lontano dal suo compare Luigi Mascione, ma alla notizia della scomparsa di Elia decide di tornare: Elia è un amico, quando il bandito è stato in pericolo lo ha sempre aiutato. Mentre camorristi e ’ndranghetisti cercano di spartirsi la Valle d’Itria e la procuratrice Buonamica collabora con la Pm di Catanzaro per venire a capo dell’assassinio di Maltempo, Mazzacani si mette alla ricerca di Elia, determinato a trovarlo prima dei suoi molti nemici e prima delle forze dell’ordine. Ma qualcosa in quello che scopre non lo convince, la chiave per risolvere questo caso è nascosta tra i trulli della comunità con cui faceva affari Maltempo e tra i segreti della sua guida spirituale, una misteriosa vecchia signora di nome Alina Desiati.

L’autore

Leonardo Palmisano è scrittore ed etnografo. Presiede la cooperativa Radici Future Produzioni ed è vicepresidente nazionale di CulTurMedia di LegaCoop.

Esperto di lavoro, migrazioni e criminalità organizzata, è consulente sul rapporto tra mafie e territorio per enti pubblici e privati. È autore di inchieste, saggi, sceneggiature e romanzi. Ha scritto per Left, NarcoMafie, Lo Straniero, il Manifesto, Liberazione, AlfaBeta2. Per Fandango Libri ha pubblicato con Yvan Sagnet “Ghetto Italia. I braccianti stranieri tra caporalato e sfruttamento” (2015), con cui ha vinto il Premio Internazionale Livatino 2016, “Mafia Caporale” (2017) e “Ascia nera” (2019). Il primo caso del bandito Mazzacani, “Tutto torna” è uscito nel 2018

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • L’arte che incontra l’arte a masseria Palombara

    • dal 1 agosto al 27 settembre 2020
    • masseria palombara
  • Dopo il successo del 2019 si replica il 3° concorso fotografico "Summer Polaroid" al tempo del Covid-19

    • dal 1 luglio al 30 settembre 2020
  • Esperienze e laboratori al Parco di Agnano e al Museo archeologico

    • dal 25 luglio al 27 settembre 2020
    • Parco di Agnano e Museo Civico Archeologico.
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BrindisiReport è in caricamento