menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La copertina del libro di Rampino

La copertina del libro di Rampino

Appunti di farmaceutica di 120 anni fa

ORIA - I preziosi appunti di Materia medica e Farmacologia di un giovane studente universitario, Giuseppe De Angelis, sono stati raccolti in un libro che sarà presentato domenica 3 Marzo, alle ore 11.15, presso la Sala Gassman del Cinema Teatro Salerno di Oria. A rendere preziosi quegli appunti è il fatto che essi siano stati scritti quasi centoventi anni fa.

ORIA - I preziosi appunti di Materia medica e Farmacologia di un giovane studente universitario, Giuseppe De Angelis, sono stati raccolti in un libro che sarà presentato domenica 3 Marzo, alle ore 11.15, presso la Sala Gassman del Cinema Teatro Salerno di Oria. A rendere preziosi quegli appunti è il fatto che essi siano stati scritti quasi centoventi anni fa.

Il manoscritto risale infatti all'anno scolastico 1894-95 e a volerlo dare oggi alle stampe con il titolo "Appunti di Materia Medica e Farmacologia per Giuseppe De Angelis - studente di Farmacia nella Regia Università di Napoli - anno scolastico 1894-95", per affetto, per ricordarlo ai suoi concittadini e per una riscoperta dell'essenza della professione è stato il presidente dell'Ordine dei Farmacisti di Brindisi, Gabriele Rampino, nipote di quel giovane studente universitario.

Giuseppe Nicola Francesco Di Paola De Angelis fu Giovanni nacque a Oria (all'epoca provincia di Lecce) il 16 ottobre 1871, e dopo essere diventato farmacista preparatore, il 2 agosto del 1897, aprì nella sua città di nascita la storica Farmacia del Leone. Il libro, che in copertina ritrae il protagonista all'interno della sua farmacia, si apre con una bella dedica che Giuseppe De Angelis scrisse per il suo professore di Materia Medica, Ferdinando Matoni, "...che seppe con zelo e amore infondere ai giovani studenti di farmacia alti ideali e ampie cognizioni, facilitando e rendendo dilettevole lo studio di Materia Medica. Questo quaderno d'appunti dedica il suo discepolo". Una bella testimonianza di rispetto e stima.

Nel quaderno d'appunti dello studente sono riportate oltre 200 sostanze (dagli eccitanti ai paralizzanti, dagli anestetici agli ipnotici ecc.) e ottanta pagine di ricettario con i rimedi dell'epoca. Come sostiene il dott. Antonio Corvi nell'introduzione del libro, gli appunti e il ricettario "fotografano quello che era l'insegnamento di un secolo fa e di primo acchito giustificano il titolo del corso di Chimica farmaceutica e Tossicologia dato il preminente uso di sostanze di elevata tossicità. Ci rendiamo così conto di tutto il lavoro fatto in questo secolo per modificare le molecole naturali e rendere i farmaci più maneggevoli senza togliere gli effetti terapeutici desiderati".

Molta strada ha fatto anche la formazione del farmacista, come sostiene l'altro curatore dell'introduzione, il preside della Facoltà di Farmacia dell'Università degli Studi di Bari, prof. Roberto Perrone. Il preside evidenzia, infatti, come sia sempre esistita "l'esigenza di avere un punto di riferimento certo dove impartire una preparazione nel settore farmaceutico. In Puglia tale esigenza fu espressa dal decreto del 1817 di Gioacchino Murat, in forza del quale fu istituito per la prima volta il Corso di Chimica e Farmacia".

Il volume di Gabriele Rampino sarà presentato nel corso di una giornata organizzata dall'Ordine dei Farmacisti della provincia di Brindisi, con il patrocinio del Comune di Oria, dell'Asl di Brindisi e della Fofi (Federazione Ordini Farmacisti Italiani). Con l'occasione saranno premiati i farmacisti iscritti all'Albo da venticinque, quaranta e cinquant' anni e sarà dato il benvenuto ai nuovi iscritti. A moderare sarà Vincenzo Sparviero, capo redattore della Gazzetta del Mezzogiorno di Brindisi.

I lavori inizieranno alle 9.30 con i saluti di Gabriele Rampino, Cosimo Pomarico, sindaco di Oria, e Paola Ciannamea, direttore generale della Asl. Alle 10 sarà proiettato un documentario: "La Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani - Cent'anni di storia iniziati a Napoli - 100 anni di Fofi, 100 anni di farmaci, 100 anni di Italia". Seguirà l'intervento di Andrea Mandelli. Alle 10.30 sarà proiettato il cortometraggio di Nanni Moretti: "The last customer", l'ultimo giorno di vita di una piccola farmacia abbattuta per far posto a un grattacielo e del suo ultimo cliente. Seguirà "L'alchimia del cinema" di Roberta Lupoli. Alle ore 11 "L'Associazione Regionale Farmacisti della Protezione Civile" a cura di Antonio Di Noi. Alle ore 11.15 presentazione del libro con il prof. Perrone e il dott. Antonio Corvi. Alle ore 12 premiazione dei farmacisti con il sen. Luigi D'Ambrosio Lettieri. Ore 13: fine lavori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento