rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Cultura

Il mare e il posto: successo per la prima "passeggiata patrimoniale"

Promossa dalla associazione "Le Colonne", il secondo appuntamento si terrà domenica 20 febbraio

BRINDISI - Grande successo per la prima giornata delle Passeggiate Patrimoniali a Brindisi, iniziativa promossa
dalla Aps Le Colonne e accolta da associazioni presenti sul territorio e singoli cittadini che hanno voluto contribuire all’evento con i loro interventi. “Brindisi e l’identità” è il tema che ha caratterizzato la prima passeggiata, tenutasi oggi, domenica 30 gennaio 2022. Il mare e il porto sono stati i protagonisti, da sempre simbolo della città, legati alla storia ma anche ai commerci, al turismo e all’accoglienza. Il gruppo, partendo da piazza Vittorio Emanuele II, ha percorso tutto il lungomare fino a raggiungere il quartiere Sciabiche, un pezzo fondamentale della storia cittadina.

La targa che ricorda l’aiuto offerto all’esercito serbo durante la prima guerra mondiale, l’esodo degli albanesi negli anni ’90, l’identità perduta con la donazione di una delle Colonne Romane e gli antichi fasti con l’arrivo della Valigia delle Indie sono solo alcuni degli spunti che hanno dato vita ad un vivace dialogo; ma si è dato spazio anche all’indissolubile legame con i pescatori, terminando con la visita al Museo dell’antico quartiere delle Sciabiche. I partecipanti sono diventati i principali interpreti della storia della città, attraverso la loro personale
visione di Brindisi; ciò che ne è emerso, è il quadro di un territorio profondamente amato, ma che vive anche una spaccatura: quella tra il senso di appartenenza e l’identità strappata.

Secondo gli intervenuti, la città ha molto da raccontare ma deve impegnarsi a tramandare la propria storia con maggiore impegno, con un lessico nuovo e soprattutto con maggiore fiducia nelle possibilità del territorio. In tal modo, oltre ad attrarre il turismo, si potrebbe evitare la fuga degli studenti e dei lavoratori, spesso costretti a cercare migliori opportunità in posti lontani. Attraverso i racconti di coloro che ne sono stati testimoni, è infatti emerso che questo territorio è stato, in un passato recente, simbolo di opportunità e di nuova vita per le popolazioni vicine: dai ricordi dell’esodo albanese dei primi anni ’90 si delineata una città dal cuore immenso, votata all’accoglienza. E’ apparso chiaro quanto i cittadini auspichino al riscatto della città e quanto vogliano concorrere a restituirle la sua naturale vocazione: quella di città turistica. Il prossimo appuntamento si terrà domenica 20 febbraio.

Si ringraziano per il prezioso contributo offerto in occasione della prima passeggiata: Raffaella Argentieri, Presidente Fondazione Di Giulio, il Club Inner Wheer Brindisi Carf, l’Associazione Auser Brindisi, il “Museo dell’Antico quartiere delle Sciabiche” Progetto di riqualificazione artistica realizzato dal Circolo Remiero Brindisi, Aps Poseidhome, Vogatori Remuri, Giulia Ruggiero e Genny Giammarruco City Collage Collection e gli artisti Davide Taberini e Francesca Prudentino, nonché tutti i cittadini che hanno preso parte all’iniziativa con entusiasmo ed interesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mare e il posto: successo per la prima "passeggiata patrimoniale"

BrindisiReport è in caricamento