menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Locandina del workshop con la Marcotulli

Locandina del workshop con la Marcotulli

Cinema e piano, stage con la Marcotulli

BRINDISI – Si terrà venerdì e sabato prossimi a Brindisi a Palazzo Nervegna il workshop, unico in Puglia, dal titolo “Cinema: Composizione e Improvvisazione” con Rita Marcotulli, una delle pianiste italiane più richieste a livello internazionale. L’evento è organizzato da La Palazzina delle Arti e della Comunicazione (Parco Multimedia) di Brindisi diretta da Pino Romanelli e gode del patrocinio del Comune di Brindisi. Il workshop è aperto a musicisti che hanno una buona conoscenza dello strumento.

BRINDISI - Si terrà venerdì e sabato prossimi a Brindisi a Palazzo Nervegna il workshop, unico in Puglia, dal titolo "Cinema: Composizione e Improvvisazione" con Rita Marcotulli, una delle pianiste italiane più richieste a livello internazionale. L'evento è organizzato da La Palazzina delle Arti e della Comunicazione (Parco Multimedia) di Brindisi diretta da Pino Romanelli e gode del patrocinio del Comune di Brindisi. Il workshop è aperto a musicisti che hanno una buona conoscenza dello strumento.

Il seminario si articolerà in tre diverse fasi. Nella prima si analizzeranno i molteplici aspetti che riguardano lo studio delle immagini e la loro dinamica. Nella seconda fase, si appronterà il lavoro di composizione e nella terza ci si lascerà andare al flusso libero delle note che accompagneranno le immagini di film. Si parlerà e si approfondirà il concetto di suono, ritmo, melodia e armonia. Durante la due giorni, Rita Marcotulli, farà vedere tre opere differenti per tempo e significati su cui in passato ha lavorato ottenendo successi nazionali e internazionali: Nanà (anni '30), Truffaut (anni '70) Basilicata coast to coast (2009).

Attraverso questo workshop, unico in Puglia, parte della conoscenza musicale dell'artista, legata anche al cinema, viene trasferita a 20 musicisti che vorranno approfondire il rapporto immagini/musica mettendoci dentro la loro visione del cinema e naturalmente del mondo che lo attraversa.

Rita Marcotulli è una delle pianiste italiane più richieste a livello internazionale. Ha collaborato regolarmente anche per registrazioni discografiche con artisti europei e americani, fra cui Chet Baker, Jon Christensen, Palle Danielsson, Pino Daniele, Peter Erskine, Steve Grossman, Joe Henderson, Helène La Barrière, Joe Lovano, Charlie Mariano, Marilyn Mazur, Pat Metheny, Sal Nistico, Michel Portal, Enrico Rava, Dewey Redman, Aldo Romano, Kenny Wheeler, Norma Winstone.

Nel 1987 viene votata come miglior nuovo talento nel referendum indetto dalla rivista "Musica Jazz". Fra il 1988 e il 1989 fa parte stabilmente del gruppo di Billy Cobham, col quale partecipa a tournée in Europa e negli Stati Uniti. Nel 1988 si trasferisce in Svezia, dove ottiene eccellenti affermazioni in un ambiente di forti personalità musicali e di spiccata disposizione per la ricerca. Rientra in Italia nel 1992, e, fra il 1994 e il 1996, collabora con Pino Daniele in qualità di strumentista e arrangiatrice. Più recentemente ha partecipato alla realizzazione del film Basilicata coast to coast, per il quale si è occupata della colonna sonora.

Grazie a questo lavoro la Marcotulli ha ricevuto il Ciak d'oro nel 2010, il Nastro d'argento alla migliore colonna sonora nello stesso anno, il David di Donatello per il miglior musicista nel 2011 (prima donna in assoluto a ricevere questo riconoscimento) e il Premio Top Jazz 2011 come miglior artista del jazz italiano secondo la rivista Musica Jazz.

Il seminario, al termine del quale sarà rilasciato un attestato di partecipazione, è aperto anche ad uditori. Per maggiori informazioni ed iscrizioni telefonare al numero 392.5308624 oppure 320.0212929 o inviare una mail all'indirizzo info@parcomultimedia.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento