rotate-mobile
Cultura

Cisternino: tutto pronto per "Pietrechecantano"

CISTERNINO - Pietrechecantano, anche quest’anno. L’incantato centro storico di Cisternino sarà scenario anche per il diciassettesimo anno consecutivo del festival più prestigioso della Valle d’Itria. Appuntamento di fine estate, dal 31 agosto al 5 settembre, con il festival cult voluto, concepito e realizzato dal direttore artistico Francesco Pinto, e organizzato da Carmen Sisto.

CISTERNINO - Pietrechecantano, anche quest'anno. L'incantato centro storico di Cisternino sarà scenario anche per il diciassettesimo anno consecutivo del festival più prestigioso della Valle d'Itria. Appuntamento di fine estate, dal 31 agosto al 5 settembre, con il festival cult voluto, concepito e realizzato dal direttore artistico Francesco Pinto, e organizzato da Carmen Sisto.

La nutrita serie di eventi che andranno in scena all'ombra della torre con l'orologio di piazza Vittorio Emanuele, nei pressi del bar Fod, è dedicata al cinquantesimo anniversario dell a proiezione di "Mai di domenica", capolavoro firmato da Jules Dassin. Nel 1960 Melina Mercouri, protagonista del film e compagna di Dassin, vinse al festival di Cannes il premio per la migliore interpretazione femminile. L'anno seguente la canzone "I ragazzi del Pireo," interpretata dall'attrice greca si aggiudicò l'Oscar: il rebetiko e il sirtaki furono conosciuti in tutto il mondo. Un evento di fortissimo "impatto globale" che ha fatto entrare la Grecia nella storia della musica, del cinema e del costume. Per rendere omaggio a questo grande

successo, con oltre 400 versioni, tutti gli ospiti di "Pietre che cantano"

proporranno una interpretazione del brano "I ragazzi del Pireo". Il festival si aprirà dunque il 31 agosto con una una giornata interamente dedicata al mondo bandistico e che prevede concerti, tavole rotonde e la proiezione del documentario del videomaker Daniele Trevisi "The Gang: le bande musicali in Puglia". Il primo settembre appuntamento con Ginevra Di Marco, per anni comprimaria sul palco di sua maestà Giovanni Lindo Ferretti e dei Csi, dal lontano 1993 con l'esordio nell'album Ko de mondo. L'ultima esibizione di Donna Ginevra, che con l'album omonimo ha vinto la targa Tenco 2009 come miglior disco da interprete, è quella applauditissima del primo maggio al fianco di Vinicio Capossela. Il due settembre, direttamente da Birmingam, la scena sarà di rango internazionale con lo swing del quintetto The Bright Size Gypsies. La tappa cistranese del gruppo made in England, è la prima in assoluto in tutta Italia. Il tre settembre sarà la volta dei Ba Cissoko, il gruppo che porta il nome della voce nera di Ba Cissoko, punta di diamante del gruppo e volto della tradizione moderna in Africa. "Cosa direste sapendo che il bassista in realtà e' un pivot? E che il chitarrista e' un'ala, mentre il cantante una guardia?", dal parquet al palco, così si presentano nella biografia ufficiale i No Braino, in scena per Pietrechecantano il 4 settembre. "Finale col botto", così scrive dell'ultimo artista in scena un giornalista musicale del Guardian, ogni volta che Cleveland Watkiss arriva sul palco. Vale anche per l'ultima data del festival cistranese, fissata per il 5 settembre e dedicato al jazz d'autore del cantante eletto per tre anni consecutivi miglior cantante per il Wire Guardian Jazz Awards. Tutti all'aperto, tutti gratuiti. Basta arrivare a Cisternino, magari con un po' d'anticipo, dato che la folla è storicamente quella dei grandi eventi. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.pietrechecantano.com o chiamare il numero 080.4441066.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisternino: tutto pronto per "Pietrechecantano"

BrindisiReport è in caricamento