rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cultura

Domenica mattina l'inaugurazione della mostra dedicata al maestro Scivales

BRINDISI - L'Amministrazione Comunale include all’interno delle manifestazioni programmate per le festività natalizie una mostra antologica dedicata al maestro Armando Scivales. “Un brindisino illustre – ha detto il sindaco Domenico Mennitti - che ha legato il suo nome ad artisti e critici ed ambienti e premi culturali nazionali di grande rilievo, pur senza mai sottomettersi a gruppi specifici e restando un isolato. Oggi l’Amministrazione Comunale, quale giusto riconoscimento, ha acquisito una collezione di sue opere, dipinti e disegni, che saranno definitivamente ospitati in una sede comunale, quale Pinacoteca a lui dedicata. Ci sembrava doveroso che una parte così importante della sua produzione artistica trovasse finalmente una collocazione permanente nella sua Città, ben consapevoli di un rapporto difficile e, a tratti, conflittuale, ma molto forte. Non a caso Scivales scrive: “qui (a Brindisi) sono nato e qui finirò i miei giorni””.

BRINDISI - L'Amministrazione Comunale include all'interno delle manifestazioni programmate per le festività natalizie una mostra antologica dedicata al maestro Armando Scivales. "Un brindisino illustre - ha detto il sindaco Domenico Mennitti - che ha legato il suo nome ad artisti e critici ed ambienti e premi culturali nazionali di grande rilievo, pur senza mai sottomettersi a gruppi specifici e restando un isolato. Oggi l'Amministrazione Comunale, quale giusto riconoscimento, ha acquisito una collezione di sue opere, dipinti e disegni, che saranno definitivamente ospitati in una sede comunale, quale Pinacoteca a lui dedicata. Ci sembrava doveroso che una parte così importante della sua produzione artistica trovasse finalmente una collocazione permanente nella sua Città, ben consapevoli di un rapporto difficile e, a tratti, conflittuale, ma molto forte. Non a caso Scivales scrive: "qui (a Brindisi) sono nato e qui finirò i miei giorni"".

Nei suoi ricordi biografici, nelle sue lettere, nelle sue conversazioni, quindi nelle sue opere, si avverte fortemente il bisogno del ritorno, del desiderio di ritrovare i luoghi in cui nacque e che gli appaiono diversi (spesso cancellati dai nuovi processi urbanistici) e più complessi.

Una città e un territorio percepiti nelle proprie e profonde contraddizioni, in cui convivono una industrializzazione devastante ed una marginalità diffusa e in cui, soprattutto, permane una condizione di ricatto e soggezione che si legge nei volti dei personaggi rappresentati nelle sue opere. Di quegli uomini e di quelle donne del Sud, che sono sempre al centro della sua produzione artistica.

Anche in questa raccolta sono presenti i temi più cari ad Armando Scivales e che ben sintetizzano delle sue esperienze di vita: una infanzia e una giovinezza difficile, a tratti negate "in una società indifferente", la malattia, la guerra e la Resistenza, l'impegno sociale e politico.

Non esiste progresso se ogni tanto non ci si volta indietro per ricevere il / riflesso della nostra cultura. Leggere il passato e rievocarlo con intelligenza e spirito critico vuol dire conoscere non solo grandezze e splendore, ma anche sofferenze e miseria; sono questi i messaggi che l'uomo di oggi è chiamato a interpretare e migliorare.

L'inaugurazione della mostra si terrà domani mattina, domenica 12 dicembre, alle ore 11 presso gli spazi espositivi dei Bastione San Giacomo di Brindisi in via Nazario Sauro. La mostra sarà aperta fino al 20 gennaio 2011.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domenica mattina l'inaugurazione della mostra dedicata al maestro Scivales

BrindisiReport è in caricamento