menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesca Casamassima e Giacomo Carito

Francesca Casamassima e Giacomo Carito

Conferenza sulle Isole Pedagne: un'area poco conosciuta del porto

L'Archivio di Stato, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, ha allestito una rassegna di cartografia storica dal tema “Le Pedagne, l’Isola di Sant’Andrea e il porto di Brindisi"

BRINDISI - Anche quest’anno, in tutta Italia, si è rinnovato il tradizionale appuntamento con le Giornate Europee del Patrimonio, manifestazione promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che da ventisei anni riscuote grande successo, interesse e affluenza di pubblico. 

All’iniziativa culturale (che quest’anno si è svolta nelle giornate di sabato 23 e domenica 24 settembre) hanno aderito molti luoghi della cultura (statali e non). Le Giornate Europee del Patrimonio promuovono lo scambio culturale tra le nazioni europee, permettendo ai visitatori di musei, biblioteche, archivi di stato, fondazioni, di scoprire o riscoprire l’importanza e la bellezza del patrimonio culturale italiano.

Il tema scelto dal Consiglio d’Europa per l’edizione 2017 è stato: “Cultura e natura”, un argomento di grande attualità che ha offerto l’occasione per riflettere sull’evoluzione del rapporto dell’uomo con la natura e sull’interazione dell’uomo con l’ambiente che lo circonda. Anche l’Archivio di Stato di Brindisi ha aderito all’ iniziativa culturale effettuando nelle due giornate previste l’apertura straordinaria al pubblico dalle 16.30 alle 20.30, con ingresso libero e gratuito.

Per la manifestazione, i funzionari dell’Archivio di Stato di Brindisi, hanno realizzato una rassegna di cartografia storica dal tema “Le Pedagne, l’Isola di Sant’Andrea e il porto di Brindisi. Cultura, natura e interventi dell’uomo” con fonti in gran parte inedite in quanto restaurate perché prima erano in cattive condizioni di conservazione e quindi non fruibili. 

L’importante rassegna di cartografia storica, divisa in tre sezioni e allestita nella sala conferenze dell’Archivio di Stato di Brindisi è stata presentata sabato pomeriggio dalla direttrice dell’archivio, la dottoressa Francesca Casamassima, che afferma: “Si tratta chiaramente di una rassegna solo esemplificativa di tutto il patrimonio che conserviamo e che serve più da spunto agli studiosi, ai cittadini, per approfondire, per venire nelle sale studio”.  

In aggiunta alla rassegna di cartografia storica, nella quale sono state esposte, tra le altre, le piante del porto di Brindisi in cui sono visibili le Isole Pedagne e l’Isola di Sant’Andrea, piante e disegni dei fari delle Pedagne e piante relative alle opere di bonifica di Fiume Piccolo e Fiume Grande, nelle due giornate europee dedicate al Patrimonio, l’Archivio di Stato di Brindisi ha presentato anche il sito web Sast, Sistema degli archivi del patrimonio cartografico e fotografico storico della Regione Puglia, dedicato alla conservazione e valorizzazione delle fonti cartografiche, fotografiche e documentarie relative al paesaggio pugliese.  

Francesca Casamassima e Giacomo Carito-3

Il materiale pubblicato, reso disponibile da tutti gli istituti conservatori della regione e quindi anche dall’Archivio di Stato di Brindisi, nel 2015 è stato catalogato, schedato, digitalizzato e reso fruibile per la consultazione via web nella Teca digitale. Dopo la presentazione della rassegna, un’approfondita ed interessante conversazione dedicata al piccolo arcipelago delle Isole Pedagne dal tema: “Le isole Pedagne: cultura e natura”, ha riportato l’attenzione su un’area della nostra città poco conosciuta.

La relazione è stata tenuta dal presidente della sezione di Brindisi della Società di Storia Patria per la Puglia, Giacomo Carito, che dopo un primo sguardo d’insieme sulle Isole Pedagne, che per il professore sono una vera diga naturale, nelle quali non mancano biodiversità di un certo interesse, si è soffermato sulle singole isole, ricostruendone le vicende, partendo dalla più grande e più importante, l’Isola di Sant’Andrea, per soffermarsi poi sulle altre (Pedagna Grande, Giorgio Treviso, La Chiesa, Traversa). 

Una serata culturale nella quale si è registrata una bella affluenza di pubblico, a dimostrazione dell’interesse sempre crescente verso gli argomenti che riguardano il nostro patrimonio culturale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento