rotate-mobile
Cultura Fasano

Fasanesi contro saraceni, torna sabato 18 il corteo storico della Scamiciata

FASANO - Tra storia, folklore, cultura e suoni del Mediterraneo, sabato 18 giugno, a partire dalle ore 18.30, si snoderà per le vie principali di Fasano il corteo storico “La Scamiciata” con i suoi 300 figuranti in costumi d’epoca a rievocare la vittoria dei Fasanesi sui Turchi invasori nella battaglia del 2 giugno 1678.

FASANO - Tra storia, folklore, cultura e suoni del Mediterraneo, sabato 18 giugno, a partire dalle ore 18.30, si snoderà per le vie principali di Fasano il corteo storico "La Scamiciata" con i suoi 300 figuranti in costumi d'epoca a rievocare la vittoria dei Fasanesi sui Turchi invasori nella battaglia del 2 giugno 1678.

A seguire, intorno alle 21.30, in piazza Ciaia si terrà lo spettacolo "Ritmi e suoni del Mediterraneo", con i gruppi "Coro del Pollino" di Morano Calabro (Cs), "Uggiano Ferrandinese" di Ferrandina (Mt), "I Dragoni di Agnone" di Agnone (Is). Al corteo, organizzato dal comitato "Giugno fasanese - La Scamiciata" in collaborazione col Comune di Fasano ed il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Brindisi e di "Filia Solis - Terra di Brindisi", prenderanno parte anche i cortei storici ospiti, artisti di strada, sbandieratori, gruppi di animazione.

La Scamiciata. Sono trecento i figuranti in costume col Banditore che precede il corteo ed invita il popolo alle solenni celebrazioni per ricordare il valore dei "padri". Segue la drammatizzazione della battaglia: la rabbia dei vinti e l'esultanza dei vincitori affascinano lo spettatore, che si vede coinvolto continuamente nella rappresentazione del dramma attraverso l'intero percorso del corteo.

Sfileranno, a seguire, lo stendardo dell'Universitas (come veniva definita Fasano a quei tempi) e la dama con le chiavi della città, i dignitari, i rappresentanti delle famiglie nobili con i propri stemmi; poi, la bandiera del Baliaggio di Santo Stefano (di cui faceva parte Fasano) precederà la carrozza del luogotenente Fra' Zurlo da Crema, accompagnato dal sindaco Pompeo Mignozza; la bandiera del Balì di Malta (Fasano è stata sotto la dominazione dell'Ordine di Malta per circa 500 anni); Fra' Brancaccio precederà la sua carrozza, il tutto seguito dal popolo in festa.

Poi, ecco il capo dei Turchi che viene scortato da armigeri e precede gli "scamiciati" (i fasanesi che vinsero la battaglia) i quali, gioendo del fortunato esito, tra canti e balli della tradizione pugliese e napoletana, circondano il carro che ricorda il trionfo, una grande barca su cui gli "scamiciati" issano i labari dei santi patroni di Fasano, la Madonna di Pozzo Faceto, San Giovanni Battista e Santo Stefano Protomartire.

La sfilata di sabato seguirà un percorso ben preciso: viale della Resistenza (dov'è prevista la partenza alle 18.30), via F.lli Rosselli, viale De Gasperi, via Nazionale dei Trulli, viale della Resistenza (l'ultimo tratto), le vie San Francesco, Piave, Cenci, corso Vittorio Emanuele, le vie Egnazia e Roma, corso Garibaldi, piazza Ciaia. "La Scamiciata" sarà accompagnata dai sei cortei storici ospiti di Fasano, "Le Rocche Raccontano" di Ferentillo (Tr), "La Battaglia tra Turchi e Cristiani di Tollo" (Ch), "Traslazione delle Reliquie di San Vito Martire" di Lequile (Le), "Il Corteo del Balì Carafa" di Putignano (Ba), "Concentus Tempus Saltandi" di Campi Salentina (Le), "Dentice di Frasso" di Carovigno (Br).

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fasanesi contro saraceni, torna sabato 18 il corteo storico della Scamiciata

BrindisiReport è in caricamento