rotate-mobile
Cultura

Fritti e contenti: tra news e ricette

LECCE - I nostri nonni si preoccupavano e lo fanno tutt'ora, soprattutto quando trovano i figli e nipoti "dimagriti". "Ma stai mangiando?" è la classica domanda. Loro amanti della cucina primaria saranno contenti di ritrovarsi in un libro del giornalista, nonchè vice presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, Pierpaolo Lala, che ha raccolto 50 ricette tra nonni, mamma, papà, zii, docenti universitari, giornalisti e di tutti coloro che amano mangiare e cucinare. "50 sfumature di fritto" è un manuale untologico tutt’altro che a prova di olio d'oliva (pugliese) edito da Lupo Editore e sarà in libreria dal prossimo 15 dicembre.

LECCE - I nostri nonni si preoccupavano e lo fanno tutt'ora, soprattutto quando trovano i figli e nipoti "dimagriti". "Ma stai mangiando?" è la classica domanda. Loro amanti della cucina primaria saranno contenti di ritrovarsi in un libro del giornalista, nonchè vice presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Puglia, Pierpaolo Lala, che ha raccolto 50 ricette tra nonni, mamma, papà, zii, docenti universitari, giornalisti e di tutti coloro che amano mangiare e cucinare. "50 sfumature di fritto" è un manuale untologico tutt'altro che a prova di olio d'oliva (pugliese) edito da Lupo Editore e sarà in libreria dal prossimo 15 dicembre.

La presentazione del ricettario dice già tutto: "Vi piace la frittura nonostante il parere negativo del vostro medico? Vi piace la pastella? Vi piace impanare e 'calare' qualunque cosa nell'olio bollente? Siete fan del film 'P per Purpetta'? Pensate che per preparare la parmigiana di melanzane servano le dovute autorizzazioni edilizie? Pensate che la frittura sia sensuale e afrodisiaca? Avete trovato il libro giusto". Via medici e nutrizionista, buttate le diete ferree e immergetevi nell'olio, pardon nel libro di Pierpaolo Lala.

Come nasce l'idea del libro "50 sfumature di fritto"?

"La mia attitudine a giocare con le parole mi porta spesso a fare dei 'pasticci'. Un paio di anni fa (insieme ad un gruppo di amici) lanciai, per esempio, Lecce Bombo, pagina che storpiava i film famosi fingendo ambientazioni salentine (Ultimo tango a Palmariggi, Tre metri sopra il Ciolo, Jesus Christ Supersano...). Qualche mese fa (credo a metà settembre) lanciai su fb '50 sfumature di fritto, presto in libreria'. Una battuta estemporanea che però non è rimasta solo tale. Nel giro di poche settimane ho pensato al vero e proprio libro, ho contattato l'editore Cosimo Lupo e ho messo in piedi la struttura del libro attingendo all'esperienza di Fornelli Indecisi, un concorso di cucina dozzinale che porto avanti da tre anni. Dopo neanche due mesi il libro è andato in stampa".

Non è da considerare un ricettario light. Come verrà definito?

"Non lo so. Non è un libro 'serio', anzi. Il libro si basa sulla passione per l'olio e la frittura di un gruppo di persone poco omogeneo. Le ricette rispecchiano anche il carattere di chi le propone. La frittura è pesante e per leggere questo libro bisogna avere fegato".

L'hai identificato come "manuale untologico". Com'è strutturato?

"Il libro raccoglie cinquanta ricette (rigorosamente fritte) pensate e scritte da una pattuglia di giornaliste e docenti universitari, casalinghe e pensionati, professori e professioniste, nonne e nipoti, mamme e figli, food blogger e appassionati. Cinque categorie (antipasti, primi, secondi, dolci e cibo di strada) per assaporare piatti a base di verdure e pesce, carne e cremose leccornie proposti (mi piace citare tutti) da Anna Lisa Gaudino, Caterina Massari, Antonietta Rosato, Assunta Rugge, Giovanna, Giuseppe e Debora De Fazio, Gabriella Basso, Marcello Aprile, Viviana Amati, Laura Casciotti, Lori Albanese, Renata Leone, Antonella Pece, Zia Narduccia, Maria Antonietta Pax, Laura Mita, Pino De Luca, Antonella Santilli, Annalisa D'Aprile, Caterina Vitiello, Daniela Errico, Metella Ronconi, Gina De Giorgi, Maria Grazia Fasiello, Lucia Grieco, Severino Malerba, Simona Covolo, Roberto Covolo. Completano il manuale, un'introduzione di Donpasta, i consigli di frittura di Giuseppe Barretta e il tentativo di Pino De Luca di rispondere all'eterno dilemma tra vino e birra. E se la frittura è un orgasmo (a volte anche multiplo) pericoloso, il libro vuole concedersi alla passione e all'eccesso con due racconti molto intensi di Osvaldo Piliego e Manila Benedetto. Ringrazio molto Angela Morelli, Paola Basso e Cenzina Cavaliere per il papillon fritto in copertina, PazLab per il progetto grafico, mia madre per l'ispirazione e le mie ricette e Gabriella, per quello che sa".

Cosa ha in comune "50 sfumature di fritto" con il bestseller erotico del momento?

"La cucina è una passione che va imparata prima e insegnata poi. Qualcuno sostiene che cucinare sia un grande atto d'amore. Effettivamente quando vogliamo conquistare una ragazza, la portiamo a cena fuori o cuciniamo per lei. Il cibo è sempre al centro delle nostre relazioni 'amorose'. Quindi cibo ed eros sono molto legati. Di tutto questo c'è poco nel libro (almeno all'apparenza)".

Pierpaolo, deliziaci con una ricetta particolare...

"Dovrei stupirvi con una frittura ma la cosa che mi riesce meglio è il ragù di pesce spada. Divino...".

Il libro "pastellato" riprende il titolo dalla famosa trilogia di E.L. James, bestseller erotico che ha svuotato gli scaffali delle librerie di tutto il mondo. All'interno del manuale untologico di Lala ci sono 50 ricette - rigorosamente fritte - che vanno dall'antipato al dolce. Un menù completo che come ben si voglia alla fine chiede anche il conto. Sicuramente un libro da friggere, hops, da leggere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fritti e contenti: tra news e ricette

BrindisiReport è in caricamento