rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cultura

Giovani emigrati ai tempi di Internet

BRINDISI - L'associazione Scatti dal Sud e I Love Brindisi presentano, giovedì 5 gennaio 2012 alle ore 18,30 presso la libreria Culturando (via Tarantini, 2 – Brindisi), una tavola rotonda sul tema dell'emigrazione giovanile, dal titolo “Tra fughe e ritorni, l’emigrazione dei giovani meridionali al tempo di internet”. Partecipano all'incontro Giuseppe Attanasi, docente di Economia Politica presso l’Università Bocconi di Milano e Piercamillo Falasca, autore del libro Terroni 2.0 (Rubettino, 2011), coordinati dal giornalista Francesco G. Gioffredi (Nuovo Quotidiano di Puglia).

BRINDISI - L'associazione Scatti dal Sud e I Love Brindisi presentano, giovedì 5 gennaio 2012 alle ore 18,30 presso la libreria Culturando (via Tarantini, 2 - Brindisi), una tavola rotonda sul tema dell'emigrazione giovanile, dal titolo "Tra fughe e ritorni, l'emigrazione dei giovani meridionali al tempo di internet". Partecipano all'incontro Giuseppe Attanasi, docente di Economia Politica presso l'Università Bocconi di Milano e Piercamillo Falasca, autore del libro Terroni 2.0 (Rubettino, 2011), coordinati dal giornalista Francesco G. Gioffredi (Nuovo Quotidiano di Puglia).

Nel crocevia di ataviche fughe e nuovi ritorni, può il Mezzogiorno d'Italia trasformarsi da problema in opportunità e risorsa per l'intero Paese? E in che modo i tanti studenti e lavoratori fuorisede possono dare il loro apporto allo sviluppo delle proprie terre d'origine? All'Italia, Paese dei dualismi, non sono bastati 150 anni di unità per ricucire lo strappo tra Nord e Sud. Negli anni del boom economico la risoluzione della questione meridionale era sulla bocca dei più importanti politici, industriali, banchieri, intellettuali e editori.

Progressivamente, però, l'idea che il Sud potesse essere chiave di sviluppo dell'intero Paese è sparita dal dibattito pubblico nazionale, scalzata dalla fine degli anni Ottanta dalla questione settentrionale che rivendica l'inutilità dell'assistenzialismo di Stato nei confronti di un Sud stanco e immobile, dissipatore di risorse preziose sottratte alle zone più produttive del Nord.

La marcata differenza tra le due aree del Paese, poi, ha irrimediabilmente accentuato il fenomeno dell'emigrazione giovanile, svuotando il Sud del suo capitale umano migliore: le giovani generazioni, infatti, sono state costrette a costruirsi un futuro lontano dal proprio paese d'origine, generando involontariamente una frattura con i loro coetanei che non hanno potuto seguire il loro stesso percorso, o che semplicemente hanno preferito non allontanarsi da casa.

Nel corso dell'incontro si discute su questo esercito di menti brillanti sotto diverse prospettive, puntando anche l'attenzione sul tema della cultura come motore e occasione di crescita e sviluppo economico e sociale del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovani emigrati ai tempi di Internet

BrindisiReport è in caricamento