rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cultura

Gli anziani della Rsa San Raffaele di Ostuni vincono la gara dei presepi

OSTUNI – A partire da oggi e sino al giorno della Befana sarà possibile visitare ogni giorno, dalle 17 in poi, il presepe realizzato nella Rsa di Ostuni gestita dal consorzio San Raffaele. Il presepe è stato interamente realizzato e confezionato dagli ospiti della struttura, con il sostegno degli educatori Massimo Epicoco, Alessandra Barletta e Mariangela Cisternino. C’è stato anche il contributo dell’intera equipe della Rsa coinvolta dall’entusiasmo dei pazienti e dei loro familiari.

OSTUNI ? A partire da oggi e sino al giorno della Befana sarà possibile visitare ogni giorno, dalle 17 in poi,  il presepe realizzato nella Rsa di Ostuni gestita dal consorzio San Raffaele. Il presepe è stato interamente realizzato e confezionato dagli ospiti della struttura, con il sostegno degli educatori Massimo Epicoco, Alessandra Barletta e Mariangela Cisternino. C?è stato anche il contributo dell?intera equipe della Rsa coinvolta dall?entusiasmo dei pazienti e dei loro familiari.

?L?attività occupazionale - spiega il prof. Luigi Addante, coordinatore sanitario del consorzio San Raffaele - rientra nel più vasto programma delle terapie non farmacologiche che coadiuvano la normale attività clinica nella cura dei pazienti affetti da demenza, come la malattia di Alzheimer. Numerose sono le tecniche di riabilitazione cognitivo-comportamentale con lo scopo di mantenere il più a lungo possibile le capacità residue dell?ospite e migliorarne la qualità di vita. Tra le più comuni: la terapia occupazionale (adatta l?ambiente alle ridotte capacità del malato), la stimolazione e la riabilitazione cognitiva (potenzia le funzioni mentali residue), la ROT o Reality Orientation Therapy (cerca di mantenere il malato aderente alla realtà che lo circonda), la Validation Therapy (cerca di capire i motivi del comportamento del malato), la musicoterapia (riporta alla luce con le emozioni le parole di una canzone o il suono di uno strumento), la psicomotricità (attività di movimento che aiuta il malato ad affrontare la propria disabilità), le arti terapie, la Pet Therapy (utilizza gli animali), la Doll Therapy (usa le bambole)?.

?Nella nostra esperienza quinquennale - sottolinea Addante - i pazienti che sono stati inseriti in un piano di intervento occupazionale che prevedesse il processo di ri-motivazione e che lo hanno portato a termine, hanno dimostrato significativa riduzione dei comportamenti aggressivi, normalizzazione del ritmo sonno-veglia e diminuzione della tendenza al vagabondaggio. Sintomi tutti caratteristici dello stato di demenza. Si è altresì verificato, in alcuni casi, anche un miglioramento del livello funzionale con conseguente diminuzione della quantità di assistenza necessaria?.

Il ?Presepe dei trulli? della Rsa della Città Bianca è risultato vincitore del concorso ?Il Presepe al San Raffaele? indetto quest?anno dal consorzio San Raffaele al quale hanno partecipato tutte le undici strutture gestite dal consorzio stesso e distribuite sull?intero territorio regionale. Tutti i lavori presentati sono sempre stati realizzati dagli ospiti e sono esposti e visitabili nelle strutture che li ospitano: San Nicandro Garganico, Troia, Andria, Modugno, Alberobello, Locorotondo, Crispiano, Torricella, Campi Salentina e Alessano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli anziani della Rsa San Raffaele di Ostuni vincono la gara dei presepi

BrindisiReport è in caricamento