rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cultura

Don Di Noto, il sacerdote cacciatore di pedofili, a Brindisi il 17 e 18 gennaio

BRINDISI - Don Fortunato Di Noto, una delle punte di diamante della lotta alla pedofilia, sarà a Brindisi il 17 e il 18 gennaio su invito del Sindacato medici italiani (Smi) nell'ambito di un progetto culturale-formativo, per presentare il suo ultimo libro "Corpi...da gioco" e per incontrare gli studenti del Liceo Classico Benedetto Marzolla. La presentazione del libro è prevista per le ore 19.15 del 17, presso la parrocchia San Francesco d'Assisi, mentre l'assemblea con gli studenti del Marzolla è fissata per le ore 12 del 18 gennaio, presso il CineTeatro Impero.

BRINDISI - Don Fortunato Di Noto, una delle punte di diamante della lotta alla pedofilia, sarà a Brindisi il 17 e il 18 gennaio su invito del Sindacato medici italiani (Smi) nell'ambito di un progetto culturale-formativo, per presentare il suo ultimo libro "Corpi...da gioco" e per incontrare gli studenti del Liceo Classico Benedetto Marzolla. La presentazione del libro è prevista per le ore 19.15 del 17, presso la parrocchia San Francesco d'Assisi, mentre l'assemblea con gli studenti del Marzolla è fissata alle 9.15 del 18 gennaio, presso il CineTeatro Impero.

Don Fortunato Di Noto ha fondaro ad Avola (Siracusa) l' Associazione Meter iniziando la sua battaglia contro la pedofilia. Attività che lo ha reso noto a livello internazionale. L'Associazione Meter Onlus nasce per promuovere e difendere l'infanzia. Il compito dell'associazione si erge sulla convinzione che non basta la repressione, demandata alle sole forze di polizia, per stroncare il turpe commercio di minori nel mondo. Ci vuole anche una rete capillare di persone competenti e motivate capaci di collegarsi con la società in cui vivono perché si crei una mentalità di vigilanza, di sostegno e protezione dell'infanzia come tale rendendo l'abuso e l'omertà che lo copre con i suoi paludosi silenzi, un crimine insopportabile per la coscienza collettiva.

Don Fortunato Di Noto si è fatto promotore di diverse iniziative tra cui la " Giornata in Memoria dei bambini vittime dello sfruttamento della violenza e dell'indifferenza" e della Moratoria Internazionale contro la pedofilia. Al suo attivo ha numerosi articoli e saggi in riviste nazionali ed internazionali sul tema dello sfruttamento sessuale dei minori e la pedofilia. E' autore di importanti testi tra cui " La pedofilia i mille volti di un olocausto silenzioso", La pedofilia in rete" , " L'innocenza tradita", " Pedofilia: punto sulla questione", " Corpi ?da gioco". Ha presentato due petizioni al Parlamento Europeo: una contro l'ammissione alle elezioni politiche olandesi di una lista in difesa dei pedofili; un'altra per contrastare la giornata dell'orgoglio pedofilo una iniziativa che aveva l'obiettivo di legalizzare la pedofilia.

Per la sua continua e coraggiosa attività ha ricevuto minacce e violenze da parte di gruppi organizzati di pedofili. Da allora vive sotto tutela degli organi di polizia. Tra i tanti incarichi istituzionali, don Di Noto dal 2004 è membro del Comitato Scientifico della Polizia Postale e delle Comunicazioni contro il fenomeno della pedofilia e della pedo-pornografia nello stesso anno 2004 è diventato membro del Comitato Scientifico dell'ICAA ( International Crime Analysis Association). Il 2 giugno 2001 è stato nominato Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Di Noto, il sacerdote cacciatore di pedofili, a Brindisi il 17 e 18 gennaio

BrindisiReport è in caricamento