menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il cast del 'Sogno di una notte di mezza estate'

Il cast del 'Sogno di una notte di mezza estate'

Il "Sogno" shakespeariano in garage

BRINDISI - L'idea del garage postindustriale come luogo di eventi comici non è nuova (ricordate Teledurazzo con Tori e Tata su Telenorba?), ma lo è certamente come scenario per un lavoro di William Shakespeare. E' ciò che propone il cartellone del Nuovo Teatro Verdi per l’inaugurazione della stagione artistica 2012-2013, "un appuntamento che si rinnova nel segno della qualità di programmazione - dice un comunicato della Fondazione del teatro - e di un percorso che guarda a un rapporto ancora più forte con il pubblico e con il territorio".

BRINDISI - L'idea del garage postindustriale come luogo di eventi comici non è nuova (ricordate Teledurazzo con Tori e Tata su Telenorba?), ma lo è certamente come scenario per un lavoro di William Shakespeare. E' ciò che propone il cartellone del Nuovo Teatro Verdi per l'inaugurazione della stagione artistica 2012-2013, "un appuntamento che si rinnova nel segno della qualità di programmazione - dice un comunicato della Fondazione del teatro - e di un percorso che guarda a un rapporto ancora più forte con il pubblico e con il territorio".

Quest'anno l'apertura in programma giovedì 18 e venerdì 19 ottobre alle ore 20.30, è «Sogno di una notte di mezza estate» nella versione diretta dall'automobilista "perennemente incazzato" Gioele Dix. "A rileggere una delle più fantasiose pagine della commedia del drammaturgo inglese sono i giovani comici di Zelig: Alessandro Betti, Maria Di Biase, Katia Follesa, Gianni Cinelli, Corrado Nuzzo, Marco Silvestri e Marta Zoboli, accompagnati da un duo musicale di straordinaria e raffinata versatilità, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti".

Gioele Dix ha riadattato l'opera in collaborazione con Nicola Fano, noto studioso dei testi shakespeariani, attualizzando alcune parole ma restando rispettoso del testo originale. "Tuttavia, l'autore esce dai canoni classici e ambienta il «Sogno» in un garage post industriale, locale kitsch per matrimoni, per esaltare la sua carica di dirompente comicità. E chi c'è di più indicato se non dei comici di professione? Spiriti liberi eppure accurati, rigorosi improvvisatori, capaci di andare in profondità con leggerezza", anticipa la nota della Fondazione Teatro Verdi. Si inizia alle 20.30. Info biglietti 0831 562554.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento