rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cultura

In mostra le imprese e la pubblità commerciale a Brindisi tra '800 e '900

BRINDISI - Domenica 10 aprile alle ore 10.30, nella sala conferenze di Palazzo Nervegna, sarà presentata la mostra documentaria "Qui… dove la terra finisce e il mare comincia. Memoria e immagine dell’impresa", allestita nelle sale dell’ex Corte d’Assise. La mostra è promossa dall’Archivio di Stato di Brindisi e dall’Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale con il CNR - Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali di Lecce, realizzata con il contributo del Comune di Brindisi, della Camera di Commercio, Unioncamere e Confindustria e con l’apporto del Liceo Artistico “E. Simone” nell’allestimento.

BRINDISI - Domenica 10 aprile alle ore 10.30, nella sala conferenze di Palazzo Nervegna, sarà presentata la mostra documentaria "Qui? dove la terra finisce e il mare comincia. Memoria e immagine dell'impresa", allestita nelle sale dell'ex Corte d'Assise. La mostra è promossa dall'Archivio di Stato di Brindisi e dall'Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale con il Cnr - Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali di Lecce, realizzata con il contributo del Comune di Brindisi, della Camera di Commercio, Unioncamere e Confindustria e con l'apporto del Liceo Artistico "E. Simone" nell'allestimento.

Dopo i saluti del sindaco Domenico Mennitti e del direttore dell'Archivio di Stato, Francesca Casamassima, il professore Renato Covino, presidente dell'Associazione Italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale, illustrerà la mostra che attraverso un ricco repertorio di materiali documentari e iconografici spesso inediti, dà ampia testimonianza sul tema centrale, ovvero il modo e i mezzi della comunicazione d'impresa, e arricchisce di nuovi elementi la ricostruzione storica del tessuto imprenditoriale del territorio di Brindisi fra la fine dell'Ottocento e gli anni Cinquanta del '900.

Viene infatti attestata la presenza nel capoluogo di attività legate alla terra e ai suoi prodotti, come aziende vinicole e fabbriche di botti, e di imprese sorte per la presenza del porto e del mare, quali società e agenzie di navigazione, aziende per l'industria della pesca o per il recupero di relitti in mare. Testimonianze della doppia identità, sospesa fra terra e mare, che ha sempre caratterizzato la città di Brindisi. Alla provincia brindisina appartengono invece alcune figure di imprenditori particolarmente attenti all'immagine e antesignani della comunicazione d'impresa, quali Stefano L'Abbate, dell'omonimo saponificio fasanese, o Vincenzo De Marco, industriale vinicolo in S. Pietro Vernotico: in mostra se ne ricostruiscono ambienti di lavoro e tecniche di comunicazione.

I curatori si augurano che la mostra possa costituire uno stimolo a ulteriori ricerche e invitano i cittadini di Brindisi a partecipare al recupero della memoria del passato industriale della città. Pertanto, lungo il percorso è allestita una postazione per raccogliere i documenti visivi di quanti conservano le testimonianze delle aziende e delle persone che operavano nella città tra la fine dell'800 e il 1950, attiva in occasione dell'inaugurazione e nella mattina di ogni sabato dalle 10,30 alle 12,30. L'ingresso è libero e la mostra rimarrà aperta dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00, sino a domenica 15 maggio. Prenotazione obbligatoria per visite guidate a gruppi e scolaresche ( 0831 523412/13).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In mostra le imprese e la pubblità commerciale a Brindisi tra '800 e '900

BrindisiReport è in caricamento