rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cultura

Fondazione Teatro Verdi, Grassi: “Si va verso il teatro di produzione”

Sarà l’unico centro in Puglia ed una delle capitali italiane della produzione teatrale. L’annuncio dato dal direttore artistico Carmelo Grassi. Assicurato il sostegno della Regione Puglia e della storica società di produzione Enfiteatro di Roma

BRINDISI - Nel corso della conferenza stampa di presentazione della programmazione 2021 del Nuovo Teatro Verdi il direttore artistico Carmelo Grassi, alla presenza del sindaco Riccardo Rossi, ha dato notizia di un prossimo ed eccezionale riconoscimento per il contenitore culturale brindisino a “teatro di produzione”.

“La Fondazione Teatro Verdi parteciperà ad un bando del Ministero della Cultura entro il mese di gennaio 2022, per il riconoscimento di teatro di produzione che comporterà il rilancio ad alto livello non solo del Nuovo Tetro Verdi ma anche dell’intera città, per gli sviluppi che tale istituzione comporta sul piano culturale, dell’immagine e dell’occupazione- ha annunciato il direttore artistico Carmelo Grassi- La Fondazione, intanto, si è già assicurata ufficialmente il necessario consenso ed il sostegno della Regione Puglia e, soprattutto, ha posto alla base del riconoscimento la forza consolidata di una compagnia di grande tradizione culturale e rinomata a livello nazionale qual è la società Enfiteatro di Roma, con produzione di Michele Gentile”.

Carmelo Grassi e Riccardo Rossi-2

La Fondazione fa pieno affidamento sulla disponibilità già manifestata ed acquisita della compagnia di produzione Enfiteatro, in quanto trattasi di una società dotata di una sana gestione amministrativa e di una consolidata struttura organizzativa che da decenni assicura la propria qualificata esperienza culturale sui palcoscenici italiani di maggior prestigio, avendo creato rapporti consolidati di collaborazione con registi, attori e tecnici e nei confronti dei teatri ospitanti. 

Direzione artistica affidata a Cristina Comencini

Non a caso la produzione ha sempre posto il massimo della attenzione nella scelta di registi e attori che hanno garantito un elevato livello culturale e professionale di accertato gradimento del pubblico. La compagnia di produzione Enfiteatro ha affidato la direzione artistica a Cristina Comencini, personaggio di grande esperienza come regista e ben nota per aver conseguito numerosi riconoscimenti in qualità di autrice di commedie di successo, ed altrettanto impegno è stato assicurato nella scelta di registi di chiara fama come la stessa Comencini, Luca Miniero, Cristina Pezzoli, Ferzan Ozpetek, Piero Maccarinelli, Leo Muscato, Alberto Ferrari, Giampiero Solari.

Cristina Comencini (foto Ansa)-2

Fra gli attori da Nancy Brilli a Raul Bova, Giammarco Tognazzi e Leo Gullotta

Di alto livello è anche la presenza in Enfiteatro di attori di rinomata esperienza e ben conosciuti dal pubblico quali sono da considerare Nancy Brilli, Ale e Franz, Giammarco Tognazzi, Maria Pia Calzone, Nunzia Schiano, Angela Finocchiaro, Raul Bova, Leo Gullotta, Giulia Michelini, Chiara Francini, Iaia Forte e Laura Curino, interpreti famosi accanto ai quali si promuoverà la valorizzazione di giovani elementi attraverso una accurata selezione.

Nancy Brilli-2

Nuova opportunità per giovani aspiranti attori

La Fondazione Nuovo Teatro Verdi ha anche assicurato una copertura di ore-lavoro nell’arco di 120 giorni, secondo quanto richiesto dal bando del Ministero della Cultura, così che il riconoscimento di “teatro di produzione” aprirà la possibilità non solo ai giovani attori di Brindisi e della provincia di potersi inserire nella produzione dei vari spettacoli, ma anche di opportunità di lavoro per maestranze ed un indotto che può generare la presenza in città di numerosi componenti delle rappresentazioni programmate. Durante il periodo di allestimento, infatti, della durata di circa 3 settimane attori, registi e tecnici saranno presenti in città. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Teatro Verdi, Grassi: “Si va verso il teatro di produzione”

BrindisiReport è in caricamento