Educare al patrimonio culturale

BRINDISI - Domani a Palazzo Granafei-Nervegna una lezione pubblica sul "Patrimonio culturale” organizzata da Italia Nostra. Intervengono Sciarra, Guastella e Spagnolo.

Massimo Guastella

BRINDISI - Nell’ambito della propria attività rivolta al mondo della scuola e finalizzata ad accrescere la conoscenza e la sensibilità in materia di beni culturali, il settore nazionale Educazione di Italia Nostra ha organizzato il corso di formazione “Le pietre e i cittadini: educare al patrimonio culturale”, articolato in dodici sedi decentrate in tutta Italia, una delle quali è Brindisi.

Da sempre Italia Nostra considera strategica l’educazione e la formazione di giovani e adulti sui temi del paesaggio, l’ambiente e i beni culturali nella convinzione che si può tutelare e valorizzare solo ciò che si conosce, e da decenni si rivolge a tutti i cittadini, nella convinzione dell’importanza dell’educazione permanente e ricorrente e dell’educazione per l’inclusione sociale e per l’integrazione culturale.

Il corso di formazione “Le pietre e i cittadini” intende sollecitare i docenti e le scuole, e tramite loro i ragazzi, ad interessarsi dei problemi degli antichi centri urbani, a entrare in contatto con esperti (storici, architetti, urbanisti), a essere parte attiva nella conservazione della memoria e della rivitalizzazione del tessuto sociale e urbano, a diventare protagonisti della tutela.

Il corso vuole inoltre essere un’occasione per riflettere insieme sullo stato di degrado e abbandono in cui versano i centri storici italiani, sempre più svuotati dei propri abitanti per lasciare posto a uffici e servizi per turisti, e ragionare su come essi vengono percepiti dai tanti nuovi cittadini immigrati o da chi abita in periferia, se costituiscono ancora il luogo identitario di una città in espansione e se e come sono ancora un punto di riferimento e aggregazione.

Allo stesso tempo si vuole sollecitare l’attenzione sul rapporto sinergico e complementare tra città e campagna, sull’esposizione del nostro patrimonio anche ai rischi naturali, alle forme di partecipazione attiva alla rivitalizzazione e rivalutazione dei centri e dei patrimoni storici.

In ogni sede decentrata alcuni esperti affrontano alcuni dei contenuti collegati alla tematica del corso, e presentano la loro analisi della situazione del Patrimonio e delle sue potenzialità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La lezione che si terrà a Brindisi domani, alle ore 16, nella sala conferenze di Palazzo Granafei-Nervegna, è aperta al pubblico. Interverranno l’architetto Carlo Sciarra 
(coordinatore Senior Progetto CiElo - Comune di Brindisi) sul tema “Muoversi nella città”; professor Massimo Guastella
 (docente di Storia dell’arte contemporanea - Università del Salento) sul tema “Leggere l’arte urbana”; professor Roberto Spagnolo
 (docente di Composizione architettonica e urbana - Politecnico di Milano) sul tema “Leggere la città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento