Cultura

Puglia Sounds: la musica è economia

BARI - “Questa mattina presentiamo il frutto di questa ricerca affidata all'Istituto Media&Giornalismo dell’Università della Svizzera Italiana, prestigioso ente accademico specializzato in economia della Cultura. Si tratta della prima ricerca sul comparto musicale pugliese e non a caso arriva a due anni dalla nascita di Puglia Sounds, il primo progetto del genere in Italia, che solo pochi giorni fa abbiamo presentato a Torino alla Regione Piemonte che vorrebbe esportarne il modello”. Così ha dato inizio stamane all'incontro con i giornalisti Silvia Godelli, assessore regionale alla Cultura Turismo e Mediterraneo, per la presentazione del rapporto sul programma Puglia Sounds, ricerca coordinata dal professore Giuseppe Richieri.

Puglia Sounds

BARI - "Questa mattina presentiamo il frutto di questa ricerca affidata all'Istituto Media&Giornalismo dell'Università della Svizzera Italiana, prestigioso ente accademico specializzato in economia della Cultura. Si tratta della prima ricerca sul comparto musicale pugliese e non a caso arriva a due anni dalla nascita di Puglia Sounds, il primo progetto del genere in Italia, che solo pochi giorni fa abbiamo presentato a Torino alla Regione Piemonte che vorrebbe esportarne il modello". Così ha dato inizio stamane all'incontro con i giornalisti Silvia Godelli, assessore regionale alla Cultura Turismo e Mediterraneo, per la presentazione del rapporto sul programma Puglia Sounds, ricerca coordinata dal professore Giuseppe Richieri.

"La ricerca sottolinea, fra gli altri,- ha detto ancora la Godelli - due dati estremamente importanti: il primo è il dato occupazionale nel settore musicale, che in una comparazione fra il 2010 e il 2009 segna un incremento del 45%, e nella comparazione fra 2010 e 2008 segna un incremento del 68% . Una tendenza che conferma la qualità del lavoro svolto sin qui da Puglia Sounds e la forte connotazione economica e di sviluppo del progetto".

"Il secondo dato- ha continuato l'assessore- riguarda invece la spesa del pubblico pagante che nel primo semestre 2011 segna un incremento del 34% rispetto al 2010. Anche questo, dato molto interessante in un periodo di profonda crisi come quello che attanaglia il nostro Paese: un dato che premia l'offerta musicale regionale e conferma l'efficacia del lavoro svolto con il pubblico. Entrambi rappresentano risposte molto positive alle strategie attuate dalla Regione Puglia attraverso Puglia Sounds in ambito musicale".

"L'approccio metodologico del nostro monitoraggio - ha detto poi il prof. Giuseppe Richieri - è diviso in quattro parti fondamentali: la prima dedicata al censimento delle imprese musicali che operano sul territorio ed è finalizzato alla misurazione del comparto (numeri dei soggetti, distribuzione, fatturato, ecc) realizzato in collaborazione con Ipres - Istituto Pugliese di Ricerche Economiche e Sociali.

La seconda ha riguardato l'approfondimento attraverso una selezioni di imprese rappresentative della filiera musicale pugliese con cui ci sono analizzate le problematiche del settore e il rapporto fra imprese private ed enti pubblici. La terza ha riguardato nello specifico l'intervento di Puglia Sounds, grazie al coinvolgimento diretto dei soggetti che hanno partecipato agli avvisi pubblici ed ai bandi di Puglia Sounds. La quarta ha valutato invece l'impatto sul territorio di Italia Wave Love Festival, Medimex e rete dei festival Puglia Sounds".

"Una prima sorpresa del monitoraggio- ha aggiunto Daniele Doglio, della Facoltà di scienze della comunicazione presso l' Università della Svizzera Italiana, è arrivata quando, realizzando il censimento delle imprese musicali pugliesi, abbiamo riscontrato un aumento del 24% del numero di soggetti di impresa musicale rispetto al 2004, un dato in assoluta controtendenza rispetto al dato nazionale. Altro dato importante è quello che sottolineava l'assessore Godelli riguardante l'occupazione, che registra un significativo aumento rispetto al 2008, con un passaggio da 104.632 giornate lavorative a 194.384. Ed anche il dato della spesa del pubblico pagante su dati Siae registra un incremento del 34% rispetto al 2010, ponendo la Puglia nel punto più alto della tendenza nazionale.

"Nel corso della ricerca - ha detto ancora - abbiamo riscontrato da parte delle imprese coinvolte e intervistate, una profonda fiducia nei confronti del futuro con previsioni di crescita del fatturato, un ottimismo che ci ha colpito molto per l'assoluta controtendenza rispetto all'aria che si respira nel resto d'Italia. Il ruolo di Puglia Sounds non viene vissuto con un approccio assistenzialistico ma come reale occasione di sviluppo e crescita per l'intero comparto".

"Infine un dato che vorrei sottolineare è quello dell'impatto economico generato da Italia Wave Love Festival e Medimex. Abbiamo analizzato in maniera approfondita Italia Wave Love Festival che si è svolto a Lecce lo scorso luglio e che ha generato un ritorno sul territorio importante pari a 3,1 volte l'investimento: un dato quasi pari al quello de La Notte della Taranta. La prima edizione del Medimex , Fiera delle Musiche del Mediterraneo promossa da Puglia Sounds, ha indotto un ritorno economico altissimo pari 5,6 volte l'investimento di Puglia Sounds generando un impatto economico di 2,24 milioni di euro. In conclusione è possibile affermare che in Puglia ci sono le condizioni affinché, grazie a Puglia Sounds, il sistema musicale diventi un vero e proprio distretto economico".

Da segnalare inoltre l'intervento del dirigente dell'Area Politiche per la Promozione del Territorio, dei Saperi e dei Talenti Regione Puglia, Francesco Palombo, che ha ancora sottolineato due aspetti di questa ricerca: il primo riguarda i fondi Fesr (Fondi Strutturali Europei con cui sono finanziate le attività di Puglia Sounds) che i dati del monitoraggio confermano generare profonde ricadute quando si attuano politiche e attività fortemente radicate nel territorio. Il secondo aspetto riguarda la filiera musicale che, come confermato da questa ricerca, rappresenta un importante e non secondario settore economico, che grazie agli attuali finanziamenti sarà in grado di generare ricadute sul territorio anche nei prossimi anni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puglia Sounds: la musica è economia

BrindisiReport è in caricamento