Tutto il meglio del Jazz italiano per la seconda giornata del Locomotive

  • Dove
    complesso scuole pie
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 08/08/2019 al 08/08/2019
    11,30 - 21,30 - 22,30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

BRINDISI - L’8 agosto sarà una giornata all’insegna del grande Jazz nazionale e internazionale a chiudere la due giorni del Locomotive Jazz Festival 2019 nella città di Brindisi.

Si inizierà alle ore 11.30 nella Chiesa di San Michele Arcangelo (Complesso ex Scuole Pie in via Tarantini) con il concerto/workshop Luca Alemanno solo per la rassegna I concerti del mattino: Le periferie del Jazz, esibizione del contrabbassista salentino ormai lanciato sui palcoscenici newyorkesi e non solo, eccellenza italiana sul panorama jazz internazionale. 

Alle ore 21.30 la scena si sposterà nel cuore del Villaggio Pescatori, luogo magico e incantato a confine tra terra e mare - filo rosso che lega gli eventi della XIV edizione del Locomotive Jazz Festival - per il primo dei due set musicali della serata. Sul palco Luca Alemanno 4tet ospite David Binney con la presentazione in anteprima dell’ultimo lavoro discografico I can see home from here. Il quartetto di Alemanno sarà composto da Luca Alemanno (contrabbasso), Alessandro Lanzoni (pianoforte), Dario Congedo (batteria) e dalla special guest del tour italiano David Binney (sassofono). 

Alle ore 22.30, invece, sarà la volta del Fabrizio Bosso 4tet e del nuovo progetto musicale di cui è autore, State of the Art. Il trombettista torinese ha scelto di affiancarsi ad altri tre grandi musicisti quali Julian Oliver Mazzariello (pianoforte), Jacopo Ferrazza, (contrabbasso), Nicola Angelucci (batteria).

La partecipazione al concerto-workshop del mattino Luca Alemanno solo è gratuita, mentre l’ingresso ai concerti serali avrà un costo di € 10,00 e sarà possibile acquistare i biglietti attraverso i circuiti VivaTicket(www.vivaticket.it) o al botteghino prima dell’inizio degli eventi. Per tutti i membri delle associazioni culturali e sociali aventi sede legale nei territori di Brindisi e Provincia, è prevista una riduzione del 20% sul costo totale del biglietto per i concerti serali del 7 e dell’8 agosto, previa prenotazione al T. 345 1089622.

Fabrizio Bosso presenta State of The Art insieme al pianista Julian Oliver Mazzariello, al batterista Nicola Angelucci e al contrabbassista Jacopo Ferrazza. Uno Stato dell’Arte, quello di Bosso e del suo quartetto, che si esprime in un dialogo autentico, forte e pieno di espressività. La sublimazione di un percorso musicale e umano che ne sancisce il successo. Esplorando le infinite possibilità del proprio modo di fare musica, grazie al confronto costante con i musicisti che ormai da tempo condividono con lui il palco, Fabrizio Bosso raggiunge qui la sua più completa e matura espressione artistica, sia in qualità di musicista che di compositore. Nel repertorio, oltre agli standard e all’improvvisazione, regina indiscussa di questa formazione, emerge anche la peculiare cifra compositiva di Bosso che, sempre riconoscibile, si esprime in brani originali come Rumba For Kampei, Mapa, Black Spirit, Dizzy’s Blues o Minor Mood. State of The Art è anche il titolo di un doppio album live uscito ad aprile 2017 per la Warner Musice registrato dal vivo durante i concerti del quartetto a Roma, Tokyo e Verona. 

Luca Alemanno, classe ’88, originario di Alessano, in Provincia di Lecce, vive attualmente a New York dopo due anni trascorsi a Los Angeles, tre anni a Roma e innumerevoli viaggi in svariate città e Paesi del mondo nel corso degli ultimi dieci anni. 

Navigando tra continenti e nuove culture, attraverso la scrittura Luca ha esplorato i concetti di appartenenza e di “Casa”, intesa sia come luogo fisico che semplicemente come un sentimento, un oggetto o una persona. Le idee compositive sono legate a doppio filo con l’entusiasmo e la nostalgia di chi vive a migliaia di chilometri da casa, spesso circondato da una cultura ancora inesplorata. 
Riflettendo sui propri incontri con il familiare e lo sconosciuto, Alemanno si interroga riguardo ai concetti di identità culturale, comunità e indipendenza. Nel condividere il suo processo di ridefinizione del significato di “Casa”, Luca cerca di evocare e ispirare un desiderio di introspezione negli ascoltatori, ciascuno con i propri viaggi intorno al mondo e dentro se stessi. 
Tutte le composizioni sono state concepite e modellate durante il periodo vissuto a Los Angeles tra il 2016 e il 2018, lavorando a stretto contatto con vere e proprie leggende viventi come Herbie Hancock e Wayne Shorter i quali sono stati presenti e hanno arricchito il processo creativo e compositivo del materiale presente nell’album. Nella musica riecheggiano armonie proprie dei compositori contemporanei e della “Seconda scuola di Vienna,” miste a ritmi e “groove” propri della cultura afroamericana, il tutto amalgamato da melodie che condividono l’identità della scena contemporanea newyorkese e del lirismo Italiano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • L’arte che incontra l’arte a masseria Palombara

    • dal 1 agosto al 27 settembre 2020
    • masseria palombara
  • Dopo il successo del 2019 si replica il 3° concorso fotografico "Summer Polaroid" al tempo del Covid-19

    • dal 1 luglio al 30 settembre 2020
  • Esperienze e laboratori al Parco di Agnano e al Museo archeologico

    • dal 25 luglio al 27 settembre 2020
    • Parco di Agnano e Museo Civico Archeologico.
  • Nuovo Teatro Verdi: presentazione della rassegna "Brindisi in scena"

    • solo oggi
    • 25 settembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    BrindisiReport è in caricamento