menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Moni Ovadia, l'artista seduto

Moni Ovadia, l'artista seduto

Senza confini, Ebrei e Rom di Ovadia

BRINDISI - Secondo appuntamento del cartellone 2012-2013 del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi con Moni Ovadia che racconta gli ebrei e i Rom nello spettacolo "Senza confini. Ebrei e zingari". Due spettacoli, venerdì 26 e sabato 27 ottobre: "Per duemila anni ebrei e Rom sono stati popoli senza terra, hanno mostrato al mondo che si può essere popolo senza bisogno di confini, burocrazia, eserciti, barriere e proprio per questa loro proposta straordinaria - dice Moni Ovadia - sono stati destinati allo sterminio. Poi qualcosa è cambiato: gli ebrei sono entrati nel salotto buono, hanno scelto una terra da abitare, una nazione. I Rom invece no, e quindi su di loro gravano ancora pregiudizi e discriminazione".

BRINDISI - Secondo appuntamento del cartellone 2012-2013 del Nuovo Teatro Verdi di Brindisi con Moni Ovadia che racconta gli ebrei e i Rom nello spettacolo "Senza confini. Ebrei e zingari". Due spettacoli, venerdì 26 e sabato 27 ottobre: "Per duemila anni ebrei e Rom sono stati popoli senza terra, hanno mostrato al mondo che si può essere popolo senza bisogno di confini, burocrazia, eserciti, barriere e proprio per questa loro proposta straordinaria - dice Moni Ovadia - sono stati destinati allo sterminio. Poi qualcosa è cambiato: gli ebrei sono entrati nel salotto buono, hanno scelto una terra da abitare, una nazione. I Rom invece no, e quindi su di loro gravano ancora pregiudizi e discriminazione".

Moni Ovadia conduce da tempo una battaglia contro le discriminazioni etniche e il razzismo. Nello spettacolo muove dai crimini subiti dagli ebrei e arriva presto ad associare a questo popolo quello di Rom e Sinti che, forse, hanno sofferto persecuzioni ancor più crudeli e lontane nel tempo. Così, procedendo lungo questa storia quasi parallela, il cantore di Filippopoli e la "Moni Ovadia Stage Orchestra" - di cui fanno parte anche musicisti Rom di nazionalità rumena - portano in scena la loro cultura e la loro gente.

"Senza confini. Ebrei e zingari" affronta le vicende di Rom ed ebrei tra musica, riflessioni, storie, spunti umoristici. Un recital che tra i ritmi incalzanti delle sonorità zingare e barzellette ebraiche vuole dar voce soprattutto al "popolo degli uomini" (in lingua romanes Rom significa "uomo") che fatica a trovare vera accoglienza in Europa. La musica e il teatro civile provano allora a scardinare conformismi e manifestare la dignità di ogni singolo essere umano e di ogni gente. Un'opera teatrale originale e senza confini fatta di memorie e di grandi emozioni. Si comincia alle ore 20.30. Info botteghino 0831 562554.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento