rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cultura Ostuni

"Terronismo" a Ostuni con l'autore

OSTUNI - Sarà il direttore del Corriere del Mezzogiorno Marco Demarco, l’ospite del terzo appuntamento dell’edizione 2011 della rassegna letteraria “Un’emozione chiamata libro” in programma lunedì 18 luglio alle ore 21 nel Chiostro di Palazzo San Francesco. Demarco presenterà ad Ostuni il suo ultimo libro “Terronismo” (Rizzoli ed.) e dialogherà con la giornalista Anna Maria Mori, con il sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella e con il pubblico del Chiostro San Francesco.

OSTUNI - Sarà il direttore del Corriere del Mezzogiorno Marco Demarco, l'ospite del terzo appuntamento dell'edizione 2011 della rassegna letteraria "Un'emozione chiamata libro" in programma lunedì 18 luglio alle ore 21 nel Chiostro di Palazzo San Francesco. Demarco presenterà ad Ostuni il suo ultimo libro "Terronismo" (Rizzoli ed.) e dialogherà con la giornalista Anna Maria Mori, con il sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella e con il pubblico del Chiostro San Francesco.

Marco Demarco, che oltre ad essere giornalista è anche uno studioso che da sempre scava alle radici dei pregiudizi antimeridionali, ha dato questo sottotitolo al suo libro: "Perchè l'orgoglio (sudista) e il pregiudizio (nordista) stanno spaccando l'Italia in due". Sostiene Demarco, come del resto molti insieme a lui, che l'Unità d'Italia non è mai stata controversa quanto oggi, tutti impegnati come siamo a festeggiarne i 150 anni.

Alla Lega Nord è venuto in tempi recenti ad affiancarsi da Sud il revisionismo neoborbonico il cui sostenitore più famoso è appunto Pino Aprile autore del bestseller "Terroni" e recentissimo ospite della kermesse di Ostuni. Secondo Demarco le espressioni estreme di questi due fenomeni, il turboleghismo e l'ultrasudismo sono sì antitetiche, ma nella sostanza identiche, perchè entrambe separatiste, rivendicative e condite con un pizzico, più o meno abbondante, di razzismo.

Rievocando storie passate e recentissime, raccontandoci personaggi sorprendenti e recuperando pagine curiose dalla letteratura di tutti i tempi (per esempio Dante che suggerì a Giotto di raffigurare i napoletani in forma di asini), nel suo saggio Demarco ricostruisce la storia dei pregiudizi che ci stanno sovrastando e lancia un appello accorato nella convinzione che l'Unità d'Italia abbia fatto del bene a tutti e soprattutto possa continuare a farne nel futuro.

Marco Demarco dirige il "Corriere del Mezzogiorno" che ha fondato nel 1997 insieme a Paolo Mieli. Nel 2004 ha creato l'Osservatorio sulla camorra e l'illegalità che ha avuto tra i suoi collaboratori Roberto Saviano. Ha pubblicato, tra l'altro, "L'altra metà della storia. Spunti e riflessioni su Napoli da Lauro a Bassolino" e "Bassa Italia. L'antimeridionalismo della sinistra meridionale".

Il successivo appuntamento con "Un'emozione chiamata libro" è fissato per mercoledì 20 luglio quando nel Chiostro San Francesco arriverà Irene Bernardini con il libro: "Elogio di una donna normale" (Mondatori).

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Terronismo" a Ostuni con l'autore

BrindisiReport è in caricamento