Un tuffo nel passato: a Mesagne la prima sfilata "Attacchi d'epoca"

Il Municipio di Mesagne

MESAGNE - Dopo il successo della annuale edizione di “Mesagne in bicicletta”, la locale Associazione Pro Loco, con il Patrocinio del Comune di Mesagne, è lieta di invitarvi alla prima edizione dell’evento dedicato agli “attacchi d’epoca”.

L’idea di una manifestazione ad hoc è nata per far rivivere una parte della cultura del nostro territorio, quella legata da sempre alla civiltà contadina, grazie all’impegno di due soci della Pro Loco, Saverio e Francesco Campana. La loro idea è stata subito sposata dal Direttivo e dalla Presidenza che hanno così organizzato l’evento, sostenuti dall’Assessorato al Turismo.

Alla manifestazione, che avrà luogo domenica 18 maggio a partire dalle ore 16.30, parteciperanno 30 carrozze, tra mezzi da cerimonia, dediti al trasporto delle botti di uva e quelli utilizzati dai signori terrieri di una volta per controllare il lavoro nei campi. 

La sfilata partirà dalla zona mercatale (via Brodolini) per poi percorrere le principali vie della città e poi far rientro sempre in via Brodolini, dove ci sarà una premiazione per i partecipanti al corteo, vestiti con abiti d’epoca: un boccale in ceramica offerto da Nimes Arte con del vino della Cantina di Mesagne per i conducenti dei mezzi e i figuranti, tanta buona biada per i cavalli. Su ogni carro, poi, si esibiranno musicisti  che allieteranno il corteo con musica e canti della tradizione popolare e contadina.

Si potrà rivivere, quindi, nella nostra città, il clima che respiravano i nostri antenati, che usavano andare nei campi con i carri trainati da cavalli: per ognuno di loro, si utilizzava un attacco diverso. Una tradizione, questa, ormai quasi scomparsa e mai conosciuta dalle generazioni più giovani, che hanno così modo di fare un tuffo nel passato.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

Potrebbe interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento