rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cultura

Una domenica all'Archivio di Stato

BRINDISI – Invece della solita passeggiata al corso, al lungomare o sulla litoranea nord, domenica 1 dicembre per l’intera mattinata (dalle 8,30 alle 12,30), i brindisini potranno concedersi un giro nella storia.

BRINDISI – Invece della solita passeggiata al corso, al lungomare o sulla litoranea nord, domenica 1 dicembre per l’intera mattinata (dalle 8,30 alle 12,30), i brindisini potranno concedersi un giro nella storia della propria città e del proprio territorio attraverso antichi documenti e mappe. Infatti, nell’ambito del progetto Domenica di carta promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, che prevede l’apertura straordinaria di archivi e biblioteche durante le festività natalizie, l’Archivio di Stato di Brindisi effettuerà l’apertura straordinaria al pubblico nelle ore già indicate.

Sarà possibile visitare la sede monumentale dell’Archivio e conoscere la sua storia dalla fondazione del convento di S.Teresa avvenuta alla fine del XVII secolo grazie alla donazione fatta ai carmelitani scalzi dal sacerdote brindisino Francesco Monetta, alla sua edificazione e poi l’utilizzo come caserma con la denominazione “Gabriele Manthonè” fino alla destinazione a sede dell’Archivio di Stato.

Nel corso delle visite guidate saranno illustrati i compiti dell’istituto, i servizi offerti al pubblico e presentato anche il cospicuo patrimonio documentario conservato relativo alla storia della città e dei comuni della provincia dalla fine del 1500 agli anni Cinquanta del Novecento. Infine saranno mostrati alcuni dei documenti più significativi quali i catasti antichi e onciari, le platee, i volumi notarili, le pergamene, i registri dello stato civile, piante, disegni e planimetrie.

La sede dell’Archivio di Stato è in piazza S. Teresa 4. Per informazioni: 0831/523412/13; e-mail as-br@beniculturali.it sito web: www.asbrindisi.beniculturali.it.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una domenica all'Archivio di Stato

BrindisiReport è in caricamento