menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alfredo Malcarne

Alfredo Malcarne

Università: il Comune deve 1,7 milioni

BRINDISI - Il Comune di Brindisi ha sempre sostenuto l'idea di avere dei corsi universitari a Brindisi. Ma il sostegno si è fermato al mettere a disposizione alcuni locali e l'aula magna di Palazzo Granafei. Stando a quanto denunciato dal sindaco Consales, tra le varie falle presenti nelle casse comunali, ci sarebbe anche il buco di 1 milione 700 mila euro dovuto all'Università del Salento e a quella di Bari per gli anni pregressi. Somme iscritte a bilancio, ma non ancora versate.

BRINDISI - Il Comune di Brindisi ha sempre sostenuto l'idea di avere dei corsi universitari a Brindisi. Ma il sostegno si è fermato al mettere a disposizione alcuni locali e l'aula magna di Palazzo Granafei. Stando a quanto denunciato dal sindaco Consales, tra le varie falle presenti nelle casse comunali, ci sarebbe anche il buco di 1 milione 700 mila euro dovuto all'Università del Salento e a quella di Bari per gli anni pregressi. Somme iscritte a bilancio, ma non ancora versate.

Non si tratta di pochi spiccioli, e già nei mesi scorsi si era arrivati ai ferri corti, con il rischio che alcuni corsi saltassero. Ora il primo cittadino vuole ripartire da zero: «Ripianeremo i nostri debiti, com'è giusto che sia, ma dobbiamo costruire una offerta universitaria che sia degna di questo nome».

È quanto, ad inizio 2012, chiese anche il presidente della Camera di commercio Alfredo Malcarne: «Versiamo il nostro contributo annuale all'Università, ma non abbiamo voce in capitolo in tema di scelta dei corsi. Ritengo che bisognerebbe sedersi intorno ad un tavolo e decidere insieme quali siano gli indirizzi migliori per il nostro territorio».

Il problema si ripropone dunque dodici mesi dopo, ma con l'aggravante che molto probabilmente da quest'anno verrà a mancare il contributo della Provincia di Brindisi. La palla, ora, è nelle mani di Consales e Malcarne: ripianati i debiti, toccherà a loro delinerare, insieme a presidi e rettore, il futuro dell'Università brindisina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento