"Closing Party": una mega festa per chiudere la prima stagione del Dopolavoro

Closing Party

BRINDISI - Sabato 17 maggio si chiude col botto la prima stagione firmata Dopolavoro con un mega party a ingresso gratuito che sprizza musica fino allo sfinimento. Come nelle serate più partecipate di questi mesi, il club non poteva che salutare i suoi amici con una festa dagli allestimenti scenici al confine tra il kitsch più azzardato e il trash più trasgressivo.

Ombrelloni sgargianti, sdraio a righe, canotti, bikini fluo, secchielli e palette, trasformano il Dopolavoro in un tipico lido brindisino degli anni ‘80, per un evento che rimarrà nei ricordi più spassosi. Dalla consolle, le selezioni di Serpentine, Maffei, Fire Burn Sound, dj Morph, Oneblow, Wolen, Filippiakos e Panic Indie Rock, infiammano l’ex platea con il meglio (e il peggio) della musica internazionale, per scatenarsi senza ritegno nella pista più delirante e divertente che si possa immaginare, al ritmo delle canzoni di Raffaella Carrà, la musica commerciale anni novanta, i balli di gruppo, il rock, tutto shakerato con il giusto mix di pazzia.

Per l’occasione, fino a tarda notte, saldi di fine stagione anche al bar. Dress code consigliato: costume da bagno (valido solo per chi non ha superato la prova di fronte allo specchio). Info: 0831/1985268. (Foto Stefano Albanese)

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Torna il "Carnevale di Torre Santa Susanna", settima edizione

    • Gratis
    • dal 16 al 25 febbraio 2020
  • Il teatro è servito: la programmazione del Kopò

    • dal 12 ottobre 2019 al 10 maggio 2020
    • Teatro Kopó Brindisi
  • Tour di spettacoli a Brindisi con il Performing Arts Festival, prima edizione

    • dal 28 novembre 2019 al 26 aprile 2020
  • Ritorna il posto delle favole al teatro comunale di Ceglie Messapica

    • dal 27 ottobre 2019 al 8 marzo 2020
    • Teatro comunale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento