menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli animatori di Carrisiland portano la gioia nei reparti di Pediatria e Geriatria

Capitan Uncino, Cappuccetto Rosso, Biancaneve e altri personaggi fiabeschi hanno fatto il loro ingresso mercoledì nell’ospedale Perrino di Brindisi, per regalare doni ad anziani e piccoli ricoverati rispettivamente nei reparti di Geriatria e Pediatria. Protagonisti di questa iniziativa sono stati gli animatori del parco Carrisiland

BRINDISI – Capitan Uncino, Cappuccetto Rosso, Biancaneve e altri personaggi fiabeschi hanno fatto il loro ingresso mercoledì nell’ospedale Perrino di Brindisi, per regalare doni ad anziani e piccoli ricoverati rispettivamente nei reparti di Geriatria e Pediatria. Protagonisti di questa iniziativa sono stati gli animatori del parco Carrisiland, in collaborazione con la scuola Internazionale di Clownterapia Siclot diretta dalla dottoressa Cristiana Zongoli (rappresentata dalla dottoressa scik scik e dal dottor Pastrocchio) e con l'associazione Avulss di Brindisi-Mesagne.

Una parte dello staff dell'animazione del parco Carrisiland (Rosita Carrisi, Eugenio Arsieni, Massimo Arsieni, Alessandro Balestra, Marica Balestra, Roberta Giordano, Arianna e Federica Invidia, Marilena Leggio, Andrea Micello, Melania Verde) ha indossato i panni  di alcuni fra i più celebri protagonisti di dei film d’animazione della Walt DIsney: Capitan uncino, Trilly, Cappuccetto Rosso, Mary Poppins, Zorro, Biancaneve, il principe, Cenerentola, Jasmine, la fata madrina e Mago Merlino. E’ stata grande la gioia regalata gli sfortunati degenti. 

"È stata un'esperienza molto forte ed emozionante", ha dichiarato il direttore del parco, il dott. Marco Carrisi, "donare un sorriso a chi soffre ha arricchito anche tutti noi. Ringraziamo il direttore sanitario Angelo Greco, i primari delle unità operative di pediatria e geriatria, i dottori Fulvio Moramarco e Vito Carrieri, suor Anna e tutto lo staff medico-sanitario dei reparti interessati per la loro accoglienza”. 

“Speriamo – prosegue Carrisi - che non rimanga un'iniziativa isolata e che continui la collaborazione con le associazioni AVULSS e la cooperativa sociale Naukleros Onlus, per dar vita ad altri momenti simili che non possono che renderci più ricchi dentro e orgogliosi di donare un pò di gioia a chi in questo momento è in difficoltà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento