rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Eventi

I chiostri come librerie: 3 giorni di letture e incontri per le vie del centro

Andare per la città in una parte di essa, dove strade, facciate e piazze nascondono luoghi più riservati come scrigni ricolmi di gioie, i chiostri numerosi e diversi che narrano storie e incontri, parole, silenzi e sguardi. Da qui nasce l'iniziativa "In-Chiostri", inserita nel cartellone di eventi dell'estate brindisina, stilato dal Comune, che si svolgerà nei giorni 3, 4 e 5 settembre

BRINDISI - Andare per la città in una parte di essa, dove strade, facciate e piazze nascondono luoghi più riservati come scrigni ricolmi di gioie, i chiostri numerosi e diversi che narrano storie e incontri, parole, silenzi e sguardi. Da qui nasce l’iniziativa “In-Chiostri”, inserita nel cartellone di eventi dell’estate brindisina, stilato dal Comune, che si svolgerà nei giorni 3, 4 e 5 settembre prossimi a Brindisi e che è stata presentata questa mattina, giovedì 21 agosto, durante un incontro svoltosi presso la sede operativa nel complesso dell’ex convento Scuole Pie. 

Libri, gusti, storie In-Chiostri: lo scopo dell’evento, promosso ed organizzato dal sociologo Emanuele Emanuele Amoruso-2Amoruso (nella foto in basso) insieme ad una squadra di volontari che lavora al suo fianco, è far incontrare i lettori e gli autori, leggere pagine originali, gustare brani che svelano frutti e cibi, visitare mostre, ascoltare storie e musiche, incantarsi con performance. E’ una sorta di viaggio tra richiami e tradizioni per vivere la città, ritrovare la bellezza che ci circonda, ridare significati alle parole, al dialogo e agli sguardi. 

Tre giorni intensi per i cittadini che avranno la possibilità di immergersi completamente nel mondo della cultura, vista da diverse prospettive. Nei chiostri e nelle strade della città avverranno gli incontri con gli autori che presenteranno i loro libri. Il percorso allestito partirà dalla Scalinata Virgiliana fino ad arrivare a Porta Mesagne, o viceversa e comprenderà il chiostro del Museo Archeologico provinciale, quello del seminario (via Tarantini), delle Scuole Pie, del convento dei Teresiani (Archivio di Stato – Piazza Santa Teresa), il chiostro di San Paolo (via Santa Barbara), anche piazzetta San Giovanni al Sepolcro, via San Benedetto, via Marconi) e infine quello di San Benedetto (Via Santa Margherita, Porta Mesagne). 

La piantina dei chiostri e delle piazze in cui si svolgerà l'evento-2Tutto sarà molto caratteristico e tradizionale (a sinistra, la mappa dei luoghi in cui si svolgeranno le letture e gli incontro con gli autori): girerà, infatti, lungo le strade e nelle piazze della città, spinto da una bicicletta, l’Arcimboldo   (una sorta di “uomo di libri”, il bibliotecario realizzato dal dipinto di Giuseppe Arcimboldo  e che risale al 1566); inoltre ci sarà uno spazio dedicato al LiberaLibri,  al cosiddetto Bookcrossing, dove sarà possibile, per chiunque volesse, “liberare” o “abbandonare”  il proprio libro per consentire ad un  nuovo lettore di adottarlo, mettendo in atto un vero scambio di letture. Alla fine della tre giorni, tutti i libri che rimarranno nella sede-officina di In-Chiostri saranno donati alla biblioteca della Casa Circondariale di Brindisi. 

“E’ il primo anno che si svolge questa iniziativa a Brindisi- ha spiegato Amoruso – e mi auguro che possa ripetersi anche nei prossimi anni, così da consentire ai cittadini di viversi a pieno la città, conoscere e scoprire i luoghi più riservati, spesso sconosciti per molti. Le idee sono tante e tutto questo è frutto solo di passione ed entusiasmo: al mio fianco ci sono molti volontari e ne aspetto altri per chiunque volesse lavorare con noi. Che dire, spero, ma ci credo con tutto me stesso nella riuscita di questo grande evento.” (Le foto sono di Gianni Di Campi)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I chiostri come librerie: 3 giorni di letture e incontri per le vie del centro

BrindisiReport è in caricamento