Sabato, 15 Maggio 2021
Eventi

Incontro a palazzo Nervegna su ruolo e funzione di Forte a mare

"Il ruolo e funzione di Forte a mare e del Castello alfonsino nel porto di Brindisi" sarà il tema del prossimo incontro organizzato dalla Società di storia patria per lunedì, 2 maggio, presso palazzo Granafei Nervegna

BRINDISI - “Il ruolo e funzione di Forte a mare e del Castello alfonsino nel porto di Brindisi” sarà il tema del prossimo incontro organizzato dalla Società di storia patria per lunedì, 2 maggio, presso palazzo Granafei Nervegna, nell’ambito dei colloqui di studi e ricerca storica. Nel corso del convegno sarà presentanto anche il volume “Le fortezze dell’isola di Sant’Andrea nel porto di Brindisi”, a cura di Giuseppe Marella e Giacomo Carito (Pubblidea edizioni, 2014). 

Di seguito, una nota della Società di storia patria. 

Un’isola proteggeva i due imbocchi, l’uno delle Pedagne, l’altro di Bocche di Puglia, per i quali si accedeva alla grande rada portuale di Brindisi; interessata secondo le fonti latine da un precoce popolamento, nella prima età normanna avrebbe ospitato un monastero maschile benedettino sotto il titolo di Sant’Andrea. Nel tardo XV secolo, concretizzatasi la minaccia turca con la presa di Otranto, si volle la costruzione di un castello che poi sarebbe stato denominato rosso o alfonsino. 

Nel XVI secolo al castello si aggiunse il forte; fu opera costosissima e ideata per ottenere effetto dissuasivo su chiunque avesse pensato di forza l’ingresso nel porto adriatico. Di fatto solo i veneziani tentarono, inutilmente, tale impresa; vi rinunciò invece  la flotta ottomana  che pure poteva far riferimento alla munita base di Valona. 

Quando ci si riferisce a un  "castello", in genere si evoca un universo popolato di dame e cavalieri, assedi e duelli,  antiche guerre e amori appassionati.  Nelle pietre dei castelli sono incisi secoli di storia e in questo le fortezze di Sant’Andrea certamente non differiscono; immerse nella quiete di un’isola da tempo abbandonata, offrono ai loro visitatori l’immagine di avamposti su un mare allora vissuto come fossato tra due mondi. Mantennero la loro funzione durante le due guerre mondiali nel corso delle quali fu ampliato il sistema difensivo con la costruzione di due grandi batterie costiere: la Pisacane e la Sant’Andrea.  Oggi tutto riposa nella quiete dell’abbandono e le antiche stanze sono dimora solo di spettri del passato. 

ORGANIZZAZIONE
Società di Storia Patria per la Puglia –Sezione di Brindisi
The International Propeller Club Port of Brindisi

PATROCINIO
Comune di Brindisi 

Interventi
DAMIANO  MEVOLI 
Università del Salento

Conclusioni
GIACOMO  CARITO  
Vicepresidente della Società di Storia Patria per la Puglia

Coordina e introduce i lavori
DONATO  CAIULO 
Presidente  del The International Propeller Club Port of  Brindisi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incontro a palazzo Nervegna su ruolo e funzione di Forte a mare

BrindisiReport è in caricamento