L'arte classica del Mediterraneo raccontata con l'acquerello

Vernissage l'1 novembre della personale di Augusto Ciullo a Palazzo Nervegna. Aperta sino al 10 novembre

BRINDISI - È stata inaugurata ieri, venerdì 1 novembre, con un bel riscontro di pubblico, la prima mostra personale dell’artista  brindisino Augusto Ciullo: “Dai Bronzi di Riace al Canova”,  bellissimi acquerelli di grandi dimensioni ispirati ai più noti capolavori scultorei della storia dell’arte. La mostra, patrocinata dall’amministrazione comunale, è allestita al piano terra di Palazzo Granafei –Nervegna, ed è stata realizzata con la collaborazione del professor Mario Meo, curatore della biografia del catalogo della mostra.

Il pubblico mentre visita la mostra-3

Ciullo, nato nel 1957, è pittore e restauratore. Diplomatosi al Liceo Artistico di Bari si è poi specializzatosi a Firenze in Restauro. Negli anni tra il 1982 e il 1988 si è formato nel laboratorio del restauratore Camillo Tarozzi a Bologna. Appassionato di disegno e pittura, ha restaurato dipinti murali, affreschi, materiali lapidei e dipinti su tela e tavola in tutta Italia. È  un esperto velista e la sua passione per il mare ha influenzato anche la sua arte.

Le opere in mostra-2

BrindisiReport.it ha chiesto ad Augusto Ciullo di parlare della sua prima mostra. “Tutto è nato dai Bronzi di Riace, perché un giorno, fermandomi con la barca a Reggio Calabria, c’era maltempo, ne ho approfittato per vedere i Bronzi”, racconta l’artista. “Una cosa favolosa, sono spettacolari”. “Da lì, dopo tanti anni”, prosegue Ciullo,  “mi è venuto in mente di fare una mostra che parte dai Bronzi di Riace fino al Canova, abbracciando la produzione classica del Mediterraneo e provando a farli ad acquerello, perché la mia tecnica è l’acquerello”.

Una delle opere in mostra (2)-2-2

“È sempre stata l’acquerello la mia scelta preferita. Ma gli acquerelli di solito sono piccolini, invece ho voluto provare a farli grandi, questi grandi acquerelli. E quindi ho provato questa tecnica e il risultato è quello che vedrete qui in questa mostra”. Sulla tecnica Augusto Ciullo spiega che “l’acquerello non ti concede errori. Se sbagli a mettere la pennellata, troppo bagnata o troppo asciutta, non puoi tornare indietro, butti tutto. Non puoi coprire perché non è coprente”.

Una delle opere in mostra (3)-3

Molto apprezzata dal pubblico del vernissage, la personale di Ciullo “Dai Bronzi di Riace al Canova”, sarà visitabile presso Palazzo Granafei - Nervegna sino al prossimo 10 novembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Uomo ustionato con l'acido: la moglie ora è accusata di tentato omicidio

  • Rapina in pieno giorno: banditi armati di taglierino assaltano banca

  • Temporale sulla città: strade allagate e case senza energia elettrica

  • Covid: nuovo picco di casi in Puglia. Nel Brindisino altri due contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento