I classici rivisti ad acquerello: la prima mostra del brindisino Ciullo

Restauratore di professione, pittore e velista da lunghi anni: espone al Nervegna dall'1 novembre

BRINDISI – Decidere di esporre è un grande passo, e Augusto Ciullo, brindisino, 62 anni, lo fa dopo decenni in cui ha coltivato la passione per la pittura ed il disegno, fondendo in quella che è la sua prima mostra la sua professionalità artistica, quella del restauro, e lo sperimentato cimento con le tele e i pastelli. Si intitola infatti “Dai Bronzi di Riace al Canova” la personale che sarà inaugurata alle 18 di venerdì 1 novembre, e si protrarrà sino al 10 dello stesso mese, a Palazzo Nervegna, con il patrocinio del Comune di Brindisi.

Parte dal diploma al Liceo artistico di Bari, e dal compimento degli studi a Firenze, il percorso artistico e di lavoro di Augusto Ciullo, formatosi subito dopo, dal 1982 al 1988 nel laboratorio di restauro di Camillo Tarozzi a Bologna. Ma la sua vena creativa e la ricerca di ulteriori conoscenze storiche, tecniche e artistiche lo hanno condotto in giro per l’Italia, dove si è applicato al recupero di dipinti murali, affreschi, su materiali lapidei, su tela e su tavola.

Mostra Titti Ciullo-2

Non ha trascurato, Augusto Ciullo, di navigare realmente e non solo tra le opere d’arte da restaurare: è un appassionato ed esperto velista, ha battuto il Mediterraneo su varie barche, ha conosciuto persone, lingue e  di questo mare ha assimilato profondamente la luce, i colori, la varietà di paesaggi da quelli più aspri a quelli più luminosi e tranquilli, esperienza che ha influenzato sensibilmente la sua vena espressiva, spingendolo anche nella ricerca e nella pratica di nuove tecniche personali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed è anche personale l’interpretazione negli acquerelli in mostra dall’1 novembre a Palazzo Nervegna di sculture famose, da quelle ellenistiche a quelle scaturite dallo scalpello di Antonio Canova, immortali esempi del neoclassicismo. Superfluo sottolineare che di mezzo c’è sempre il Mediterraneo, dove quelle culture, quei gusti e quelle espressioni si sono riprodotte nei secoli. Ciullo ha deciso di mostrarle finalmente ai suoi concittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

  • Chiedono i documenti: poliziotti aggrediti con calci e pugni in stazione

  • Vandali scatenati: appiccati tre incendi nella scuola materna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento