Eventi Ostuni

Torna "Un'emozione chiama libro" a Ostuni: il programma

Tutto pronto manca sempre meno all’avvio della nuova edizione di Un’emozione chiamata libro, la kermesse letteraria che da trent’anni si svolge nella Città Bianca

Tutto pronto manca sempre meno all’avvio della nuova edizione di Un’emozione chiamata libro, la kermesse letteraria che da trent’anni si svolge nella Città Bianca. Nata nel 1995 per volontà del sindaco Lorenzo Cirasino e dal compianto assessore Renato Santomanco, la rassegna per 18 anni è stata diretta artisticamente da Anna Maria Mori scrittrice e firma prestigiosa de “La Repubblica” che quest’anno è stata insignita dall’associazione Una Valle di Libri che, organizza la kermesse per il terzo anno, del riconoscimento di Presidente Onoraria del festival. 

Tante le novità del prossimo triennio di Un’emozione chiamata libro, la prima la partecipazione nella sezione “Luci sui festival” al Salone del Libro di Torino, la seconda l’apertura di una sezione dedicata agli autori pugliesi denominata “Radici di Puglia”, oltre a questo l’evento andrà in scena in diversi scorci della Città Bianca. Non solo il chiostro di Palazzo San Francesco sarà il protagonista ma anche Piazza della Libertà, Piazzetta Cattedrale e il Palazzo Tanzarella. L’evento è organizzato in collaborazione con il Comune di Ostuni – Assessorato alla cultura 

Il claim utilizzato per la promozione della rassegna già da quest’anno vuole celebrare i “trent’anni di emozioni'”, che ricadranno ufficialmente nel 2025. Il progetto dell’associazione “Una Valle di Libri” punta a realizzare per i prossimi tre anni una serie di eventi collaterali che vanno oltre ai classici talk-show con ospiti e autori; tra le iniziative ci saranno mostre, masterclass, showcase e tanto altro.  Nell’edizione 2024, non mancheranno i riconoscimenti agli autori dei libri che si sono contraddistinti nell’ultimo periodo, come accadde lo scorso anno per il procuratore Nicola Gratteri e con la giornalista Gaia Tortora. 

“Stiamo cercando nel tempo – afferma il direttore artistico Flavio Cellie – di riportare la manifestazione al successo che ha ottenuto negli anni della gestione della nostra presidente onoraria Anna Maria Mori. La rassegna di quest’anno apre ufficialmente le porte alla celebrazione del trentesimo anniversario dalla nascita di “Un’emozione chiamata libro” – prosegue – aggiungendo delle sezioni come quella di “Radici di Puglia” e l’abbinamento a progetti sociali come quello di “Orecchiette la pasta che vorrei”. Siamo felici che l’amministrazione comunale abbia riposto nuovamente nella nostra associazione la fiducia giusta per realizzare questa rassegna che si apre per la prima volta con un ospite internazionale e vira su diverse tematiche che si aprono anche ai giovani con la partecipazione di Gianmaria Volpato, un giovane cantautore fresco della partecipazione a Sanremo che ha realizzato il suo primo romanzo che presenterà per la prima volta ad Ostuni in Puglia.

L’edizione 2024 si aprirà ufficialmente il 3 luglio 2024 nel chiostro di Palazzo San Francesco alle ore 21.00 con Patrick Zaki che presenterà con il giornalista di Ansa Vincenzo Chiumarulo il libro edito da “La Nave di Teseo” dal titolo “Sogni e illusioni di libertà. La mia storia”. Il 6 luglio alle 21.00 in Piazzetta Cattedrale, ospite della rassegna nella sezione Radici di Puglia sarà il giornalista RAI Nando Nunziante che presenterà con Maddalena Tulanti il suo libro dal titolo “Aiutami a Guardare. L’8 luglio si torna nel Chiostro di Palazzo San Francesco per la presentazione del nuovo libro di Luca Bizzarri “Non hanno un amico” edito da Mondadori, a dialogare con l’autore sarà la giornalista del TGR Puglia Claudia Bruno. Il 10 luglio ancora un nuovo romanzo tra musica e parole farà parte del calendario di Un’emozione chiamata libro, si tra Luca Bianchini con il suo “Il cuore è uno zingaro” (ed. Mondadori), a dialogare con l’autore la giornalista e blogger Marta Perego. Il 14 luglio si torna in piazzetta Cattedrale per la presentazione del libro “Giù la maschera” scritto dalla conduttrice del TG2 Elena Malizia, una serata speciale tra musica e parole grazie all’intervento del gruppo dei Camomilla Isterica, a presentare la serata la giornalista del TG2 Daniela Colucci. Il 16 luglio in Piazzetta Cattedrale nuovo appuntamento con l’appendice dedicata agli autori pugliesi, ospite della rassegna Caterina Fiume con il romanzo dal titolo “Come equilibristi” a dialogare con l’autrice ci sarà il giornalista e scrittore Francesco Roma. Il 18 luglio nel chiostro di Palazzo San Francesco spazio all’attualità con Carlo Cottarelli che dialogherà con il capo della comunicazione della Regione Puglia Rocco De Franchi sul suo nuovo libro edito da Mondadori dal titolo “Dentro il palazzo”. Il 20 luglio (Chiostro San Francesco) spazio alla musica con il giornalista e conduttore radiofonico Luca De Gennaro che presenterà con il cantautore Emanuele Barbati il libro edito da Rizzoli Lizard “Generazione Alternativa”. Il 23 luglio la rivelazione dell’ultimo festival di Sanremo Gianmaria Volpato che presenterà il suo primo romanzo dal titolo “Stagno” (ed Mondadori), a dialogare con l’autore ci sarà la giornalista del TG2 Carola Carulli. 

“Un’emozione chiamata libro è uno degli eventi di punta della offerta culturale della nostra città – afferma il sindaco Angelo Pomes –ringraziamo per l’impegno l’associazione Una Valle di Libri che sta rilanciando un brand importante per la nostra Comunità. Dalla fondazione all’approdo al Salone del Libro di Torino nello scorso maggio – sottolinea Pomes - prosegue la missione iniziata con passione e determinazione nel 1995, quando alla guida della nostra città c’era il Prof. Lorenzo Cirasino. Insieme al compianto Renato Santomanco, diedero vita a questa iniziativa culturale, guidata per 18 anni da Anna Maria Mori. Oggi - conclude il sindaco Angelo Pomes - l’obiettivo che ci poniamo come amministrazione è far diventare la manifestazione un punto di riferimento regionale e nazionale".

"L'obiettivo della nostra amministrazione è continuare a valorizzare i marchi che hanno reso la nostra città famosa - ha dichiarato l'assessore Niki Maffei -. Crediamo fermamente in questa manifestazione che ha contribuito significativamente alla storia culturale della nostra città. Il prossimo anno, l'evento celebrerà trent'anni di attività, confermandosi così come una delle più longeve rassegne letterarie e culturali d'Italia – conclude l’assessore Maffei - il festival negli anni ha continuato ad evolversi e ad adattarsi ai cambiamenti e alle varie tematiche che sono state affrontate nel tempo".
Un ringraziamento ai sostenitori del progetto nostro progetto: Banca di Credito Cooperativo Ostuni, Telcom - Vasar, Pace Gioielli, Masseria Traetta, RH Rent e RentBeat.

Partner del progetto: Museo della Civiltà Preclassiche, Ceramiche Carella, Todo Modo, Hotel La Terra, Ostuni Touring, Pugliarello e Typicus.
Il Festival “Un’emozione chiamata libro”

“Un’emozione chiamata libro” è una rassegna letteraria che vanta una consuetudine trentennale, resa tale grazie alla sensibilità di autori il cui prestigio letterario è unanimemente riconosciuto. (Luciano De Crescenzo, Dacia Maraini, Corrado Augias, Margaret Mazzantini, Susanna Tamaro, Domenico Starnone, Sebastiano Vassalli, Leonardo Mondadori, Cristina Comencini, Melania Mazzucco, Daria Bignardi, Simonetta Agnello Hornby, Magdi Allam, Marino Bartoletti, Marco Travaglio, Nicola Gratteri, Gaia Tortora, Antonio Caprarica… e tantissimi altri, per un totale di oltre trecento autori), pertanto, rappresenta l'evento più significativo della programmazione culturale della città di Ostuni. Il festival “Un'emozione chiamata libro” nasce nel lontano 1995, per volontà dell'amministrazione comunale dell'epoca che ebbe l'illuminazione di affidare la direzione artistica alla giornalista Anna Maria Mori, essa stesa autrice di best-seller nonché giornalista di punta de “La Repubblica”. Dal 2022 il Festival letterario è curato dall’associazione “Una Valle di Libri”.

L’organizzazione l’associazione “Una Valle di Libri”

Il Festival “Una Valle di Libri” nato nel 2020 è un format letterario itinerante che si svolge in un contesto territoriale circoscritto ma di ampio respiro paesaggistico: la Valle d’Itria (Ostuni, Carovigno, Ceglie Messapica, Cisternino, Martina Franca, Locorotondo e Alberobello). L'associazione culturale “Una valle di libri” nata nel marzo del 2022 grazie a un'idea di Flavio Cellie, subito condivisa con un gruppo di amici ‘bibliofili’, ha nel proprio statuto fondativo la sua essenza e la sua finalità: promuovere eventi letterari condividendone l'organizzazione con autori e moderatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna "Un'emozione chiama libro" a Ostuni: il programma
BrindisiReport è in caricamento