menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di archivio

Foto di archivio

Tradizione e folklore: torna l'appuntamento con "l'Asta della Bandiera"

Evento che ricorda la vittoria dei sampietrani sui turchi durante un tentativo di assedio che risale al lontano 1480

SAN PIETRO VERNOTICO – Dopo tre anni a San Pietro Vernotico torna l’appuntamento con la tradizione e il folklore: domenica 28 aprile in via Brindisi e centro storico si svolgerà l’Asta della bandiera, un evento che ricorda la vittoria dei sampietrani sui turchi durante un tentativo di assedio che risale al lontano 1480.

Da giovedì scorso nelle attività commerciali di San Pietro è esposta la brochure che pubblicizza l’evento. Una grande sorpresa per la cittadinanza se si considera che l’ultima “Asta” risale al 2016 e che si tratta di un evento che per anni, quando si svolgeva nel pomeriggio di Pasqua, ha rappresentato uno degli appuntamenti più importanti del territorio che ha sempre attirato centinaia di visitatori anche provenienti dai paesi vicini.

sbandieratori asta della bandiera san pietro-2

Il programma 

L’inizio della manifestazione di domenica 28 aprile, organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione Caffè letterario e Comitato festeggiamenti San Pietro, è previsto per le 17 con raduno presso la Chiesa dei Santi Angeli custodi, in via Brindisi. Un corteo composto da sbandieratori, chiarine, tamburi, lancieri, figuranti del gruppo storico “I Fieramosca”, associazioni e scolaresche si muoverà lungo la via Brindisi per giungere in piazza Falcone, presso la sede del Municipio da dove si aggiungerà l’amministrazione comunale che accompagnerà il vessillo fino a piazza del Popolo.

Da lì attraverso un percorso storico culturale a cura dell’associazione Caffè Letterario, dopo la benedizione della bandiera a cura di don Benedetto Strumiello, avrà inizio l’asta che, passando da via San Pietro, si concluderà sull’ultimo gradino della chiesa di San Pietro Apostolo. Cittadini e imprenditori si contenderanno il vessillo, il ricavato, come da tradizione, sarà utilizzato per l’organizzazione della festa patronale che si svolge il 29 giugno. Dopo l’aggiudicazione della bandiera si torna in piazza del Popolo dove si esibirà la band Folk-rock Evò. 

asta della bandiera 2015 1-2

La storia 

Si narra che nel lontano 1480 il popolo sampietrano, poco più di 700 anime, avvistò dalla Torre Quadrata sita in piazza del Popolo l’arrivo dei turchi che aveva già saccheggiato Torchiarolo. La popolazione unita affrontò l’invasione vincendo sui turchi che dovettero fuggire lasciando la loro bandiera sul campo. I sampietrani raccolto il vessillo lo portarono in corteo nella Chiesa di San Pietro Apostolo deponendolo ai piedi della statua del santo protettore in segno di riconoscenza per lo scampato pericolo.

“Divenne un ambito onore poter conservare nella propria abitazione quella bandiera turca per tutto l’anno e poi portarla durante la processione dietro la statua di San Pietro il giorno della sua festa, onde tramandare ai posteri e perpetuare il ricordo della gloriosa vittoria sui turchi dovuta al potente aiuto del loro santo protettore”. Si legge nella brochure.

“Presto però i sampietrani collegarono facilmente la loro vittoria sul nemico turco con la Pasqua di Resurrezione, vittoria di Cristo sul male e nemico turco con la Pasqua di Resurrezione, vittoria di Cristo sul male e sulla morte. Istituirono nello stesso giorno di Pasqua la festa della bandiera con la famosa asta”.  

Le dichiarazioni del presidente Antonio Palma

"Siamo orgogliosi di far tornare l'evento dell'asta della bandiera dopo due anni e ridare lustro a una manifestazione che i più anziani ricordano con gioia e malinconia mentre molti giovani non ne conoscono l'esistenza - commenta Antonio Palma presidente del comitato organizzatore - pensiamo che si deve fare cultura iniziando proprio dalle nostre radici. L'intenzione era di riproporre l'evento il giorno di Pasqua ma per motivi pratici non è stato possibile, almeno per quest'anno. Naturalmente tutto funziona se partecipano i cittadini anche fattivamente, se San pietro ridiventa comunità si possono fare grandi cose. Noi proviamo ad iniziare con l'aiuto del buon Dio". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento