menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Separazione e affidamento dei figli: seminario di studio all'Alberghiero

L'evento nasce dall'esigenza, profondamente avvertita da tutti gli operatori del Tribunale di Brindisi, di dare concreta attuazione alla legge sull'affido condiviso dei figli ed al concetto di bigenitorialità.

Il seminario di studio che si terrà il 3 marzo prossimo presso l'istituto alberghiero di Brindisi dal titolo “Presentazione Linee Guida e  Modulistica in materia di separazione ed affidamento dei figli” nasce dall'esigenza, profondamente avvertita da tutti gli operatori del Tribunale di Brindisi, di dare concreta attuazione alla legge sull'affido condiviso dei figli ed al concetto di bigenitorialità.

Se pure, infatti, di questa legge si è molto parlato, sbandierandone anche ingiustamente quelli che sono i principi ispiratori, nella pratica deve registrarsene la mancata, o quanto meno molto parziale, applicazione, dovuta a delle difficoltà che non sono soltanto di carattere economico o sociale ma, a mio parere, di carattere prettamente culturale perchè derivanti da un'impostazione legata alla precedente normativa, e comunque ad un concetto di affidamento che prevedeva un ruolo preminente di uno dei due genitori, che necessariamente andava a discapito dell'altro, ma soprattutto dell'interesse del minore, che si vedeva in tal modo privato dell'indispensabile e paritario apporto di entrambi i genitori.
 

Proprio per questo, nella qualità di presidente della sezione civile del Tribunale di Brindisi, ho ritenuto di proporre in prima battuta ai colleghi, agli avvocati e agli altri professionisti del settore, una riflessione comune in merito, nel tentativo di arrivare all'adozione delle linee guida, che verrano illustrate nel corso dell'incontro dal prof. Marino Maglietta, presidente dell'Associazione Crescere Insieme, e nella convizione che, pur non trattandosi di un percorso facile, sia tuttavia sicuramente proficua l'adozione di un programma operativo quanto più possibile comune tra tutti gli operatori del settore, così da avviare una sperimentazione di nuovi moduli, che valgano a garantire in maniera effettiva e reale la concreta esplicazione della bigenitorialità ed insieme l'interesse del minore a trascorrere lo stesso tempo, o comunque dei periodi di tempo ugualmente significativi, con entrambi i genitori.
 

L'entusiasmo con cui è stata accolta l'iniziativa da parte degli ordini professionali che vi hanno aderito, ed in particolare il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Brindisi, la Camera Civile di Brindisi e la Camera Minorile di Brindisi, mi conferma nell'opinione che questo percorso possa dare risultati molto positivi, soprattutto se ampiamente condiviso anche dai colleghi e dai professionisti del distretto della Corte d'Appello di Lecce, ai quali tutti teniamo, in particolare, ad esporre queste linee guida, allo scopo di ottenere un'adesione quanto più possibile estesa, o comunque di provocare un confronto sicuramente costruttivo.
                                           

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento