Teatro Carovigno / Via Appia

Quattro artisti internazionali per spettacoli innovativi al teatro Eden: il programma

Sta per partire l’impegnativo programma della “Residenza artistica internazionale del Teatro Eden di Brindisi” nell’ambito dell’omonimo progetto “Teatro Eden - Puglia Residency Corners 2016”. Meno di due settimane all’apertura del sipario

BRINDISI - Sta per partire l’impegnativo programma della “Residenza artistica internazionale del Teatro Eden di Brindisi” nell’ambito dell’omonimo progetto “Teatro Eden - Puglia Residency Corners 2016”. Meno di due settimane all’apertura del sipario. Il contenitore culturale pugliese godrà della presenza dal 23 marzo al 7 aprile prossimi della presenza di quattro artisti internazionali, anche per azioni di formazione gratuita. La residenza artistica Puglia Residency Corners 2016 sarà co-diretta dall’attore regista Maurizio Ciccolella e dal Maestro Chris Torch e vedrà coinvolti gli artisti Maria Anastassiou, Isabella Mongelli e Milos Tomic. Con loro saranno realizzate attività volte a favorire esperienze di “contaminazione” tra artisti pugliesi e internazionali; ampliare l’offerta culturale del territorio; stimolare nuovi target di pubblico e incentivare un nuovo modello di sviluppo per l’intero sistema pugliese del teatro. 

Di seguito il programma nel dettaglio

Nel corso della prima settimana si svolerà un’azione di preparazione finalizzata al coinvolgimento del pubblico e all’organizzazione tecnico logistica dei lavori. Nel corso della Residenza tre artisti condurranno un lavoro di ricerca e creazione che ha come punto di partenza e di riferimento costante la città di Brindisi. Gli artisti saranno impegnati in esplorazioni urbane al fine di connettersi con la città e la vita quotidiana delle persone che la abitano. Condurranno un workshop per gli allievi della Scuola d’arte drammatica della Puglia Talìa in cui si daranno stimoli per attivare uno sguardo particolarmente nuovo e inedito sulla realtà quotidiana, raccogliendo così suggestioni, narrative e immagini che possano essere materiale interessante per la creazione teatrale, sia dal punto di vista drammaturgico che attoriale e registico. Il workshop e in generale la residenza avranno un forte carattere di scambio tra artisti e territorio e l’esperienza di ricerca e creazione si inscriverà nell’ambito del più ampio progetto internazionale CORNERS of Europe.

Nella seconda settimana, si svilupperanno una serie di attività aperte al pubblico:
- Venerdì  1 aprile conferenza stampa di presentazione al pubblico
- Domenica 3 aprile Chris Torch terrà un laboratorio di educazione del pubblico, come sviluppo della già avviata esperienza con la Fondazione Fitzcarraldo, ovvero lo studio sui modelli dello sviluppo del pubblico. Le modalità di formazione saranno legate all'animazione e quanto più strettamente correlate a situazioni reali. A questo si aggiungerà un momento formativo sulla progettazione culturale, nel corso del quale il Maestro presenterà, tra l’altro, gli esiti del progetto internazionale Corners.
- Giovedì 7 aprile alle ore 20,00 spettacolo internazionale SAFARI QUI con la partecipazione degli alunni del corso professionale della Scuola Talìa
 
Lo spettacolo Safari Qui è una conferenza spettacolo creata a partire dai materiali raccolti durante la residenza. Narrazioni, gesti, voci, suoni, immagini della città di Brindisi saranno elaborati dal particolare punto di vista poetico degli artisti e saranno riprodotti in una presentazione al pubblico corredata di immagini, video e ascolti. Oltre a mostrare i materiali raccolti e rielaborati, si metteranno in evidenza gli strumenti e il metodo, usati nel processo creativo, così da rendere partecipe il pubblico su ciò che si è fatto durante la residenza: gli incontri e le relazioni nate nel lavoro in strada. Lo scopo è anche mostrare come la creatività si possa attivare con un lavoro artistico in relazione ad un contesto reale.

Safari Qui non ha lo scopo di sognare un 'altrove', ma osservare e concentrarsi sul 'qui'. Attraverso un’azione di reinterpretazione e riproposta del tessuto della vita quotidiana della città, si vogliono sviluppare nuove narrazioni per far emergere un nuovo atteggiamento del pubblico verso la cultura e per coinvolgere eventuali nuovi segmenti di pubblico.

Lo spettacolo s’innesta nel più ampio progetto “Corners”, che ha avviato una ricerca sugli strumenti e i servizi forniti dall'industria turistica del XXI secolo. L'avvento del turismo di massa ha portato una trasformazione senza precedenti in tutti gli “angoli” d'Europa, modificando le modalità di svago nel tempo libero.
 
Corners è una piattaforma per artisti e pubblico, guidati da organizzazioni culturali dell'Europa. Corners è stato avviato nel 2010 da sei istituzioni culturali: Intercult (Stoccolma), Exodos (Lubiana), Pogon (Zagabria), Drugo più (Rijeka), Città Istituto di Cultura (Danzica), e Umeå 2014 - Capitale Europea della Cultura. Il progetto viene poi ulteriormente sviluppato in collaborazione con diverse istituzioni, nuovi partner e collaboratori: Donostia / San Sebastian 2016 - Capitale europea della cultura, Arts Council of Northern Ireland (Belfast), ISIS Arts (Newcastle), REX (Belgrado), Dokufest (Prizren) e il Teatro Pubblico Pugliese (Bari).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro artisti internazionali per spettacoli innovativi al teatro Eden: il programma

BrindisiReport è in caricamento