menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tutto pronto per “In-Chiostri”: il calendario degli appuntamenti

Prende il via tra pochi giorni, giovedì 19 ottobre, la terza edizione della manifestazione culturale “In-Chiostri”

BRINDISI - Prende il via tra pochi giorni, giovedì 19 ottobre, la terza edizione della manifestazione culturale “In-Chiostri”. Negli incantevoli chiostri di San Benedetto, delle Scuole Pie e del Museo provinciale “Ribezzo”, per tre giorni, sino al 21 ottobre, gli appassionati della buona lettura avranno modo di incontrare autori, ascoltare passi tratti dalle opere presentate, assistere a rappresentazioni teatrali o prendere parte agli interessanti eventi che, parallelamente, arricchiscono la manifestazione culturale organizzata dall’associazione Diecieventotto-Manifesto per la Cultura e dalla sezione di Brindisi della Società di Storia Patria per la Puglia, in collaborazione con il Museo Mapri. Ad “In-Chiostri” hanno aderito molte associazioni: l’associazione Le Colonne, arte antica e contemporanea, il Rotary Club Brindisi, Italia Nostra-Brindisi, la Fondazione Di Giulio, il Gruppo Archeologico Brindisino e il Medieval Fest.

Il programma dell’edizione 2017 (che gode del patrocinio dell’amministrazione comunale e dell’Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni) è stato presentato questa mattina alle 10.30, in conferenza stampa, nel salone di rappresentanza del Comune di Brindisi, intitolato a Mario Marino Guadalupi. 

La conferenza stampa 

Alla conferenza stampa sono intervenuti il professore Giacomo Carito, presidente della sezione di Brindisi della Società di Storia Patria per la Puglia, il sociologo Emanuele Amoruso e il vice prefetto aggiunto, il dottor Onofrio Padovano. Amoruso ha evidenziato lo spirito della manifestazione “In-Chiostri”, che vuole presentare delle opere che “hanno un’attinenza col territorio, con la realtà, ma anche con il tempo presente in generale”.

Il sociologo ha illustrato quindi il tema della manifestazione, il labirinto, soffermandosi poi in particolare su due eventi collegati all’iniziativa: la rappresentazione teatrale di Luigi D’Elia su Don Milani, di cui quest’anno ricorre il centenario della morte, e la conversazione con il biologo marino Ferdinando Boero e alcuni pescatori della Cooperativa Emma sul “mare nostrum” che sabato sera chiuderà “In-Chiostri”.

?In-Chiostri?-2

Dopo il saluto dell’amministrazione comunale, portato dal dottor Padovano, che ha evidenziato come il Comune dando il patrocinio all’iniziativa e mettendo a disposizione il chiostro delle Scuole Pie, abbia voluto anche manifestare l’attenzione per la cultura, la conferenza stampa è proseguita con l’intervento del professor Giacomo Carito, che si è soffermato sul tema della manifestazione: “Nel labirinto del Minotauro”.

“Il tema del labirinto è affrontato in un mosaico che è nel nostro museo. Questo mosaico fu rinvenuto nella primavera del 1884 e ne diede tempestiva segnalazione Giovanni Tarantini”, rileva Giacomo Carito. Il professore si sofferma poi sul tema del mosaico, il labirinto appunto, rilevando che è una costruzione che rappresenta molto bene il singolo e anche la complessità del reale. Un tema che, come ricorda ancora, Freud affronta più volte.

“Attraverso la psicoanalisi è diventato una delle icone della contemporaneità”, spiega il professore,  “e quindi ci è sembrato che nel momento attuale, che può essere rappresentato da un labirinto, data la mancanza di punti di riferimento dopo il crollo delle grandi narrazioni ideologiche del Novecento, potesse rappresentare bene per l’appunto lo spirito dell’iniziativa, cioè analizzare, interrogarsi, cercare e disegnare nuovi orizzonti. Ovviamente non nell’ansia di dare risposte, ma come diceva Wittegenstein di porre le domande giuste. Se ci poniamo le domande giuste, prima o poi le risposte le troveremo. Non hanno risposta le domande mal poste. Noi speriamo in questa edizione di In-Chiostri di aver posto correttamente le domande e quindi di aver appunto delle risposte”, conclude Carito.

Il programma delle iniziative 

Nella prima giornata della manifestazione, giovedì 19 ottobre, presso il chiostro di San Benedetto, si avvicenderanno dalle ore 17.00 le presentazioni dei libri di Tommaso Urgese “Il dialetto del XVIII secolo di Nniccu Furcedda”; il libro di Maria Antonietta Epifani, Olga Sarcinella, Antonietta Latorre “Folli d’amor. Maria Manca, Rosa Maria Serio, Palma Matarelli. Donne mistiche tra XVI e XIX secolo in Puglia”; il libro di Chiara Liuzzi “Elica. Il conto di un soggetto con se stesso”; e il libro di Guido Giampietro “La casa sospesa”.

Nella seconda giornata, venerdì 20 ottobre, presso il chiostro delle Scuole Pie, sempre a partire dalle 17.00 si presenteranno i libri di: Valentina Perrone “Memorie di Negroamaro”; Mario Cazzato “La galleria celeste. Astrologia e arte alla Corte dei Castromediano di Lymburgh nel castello di Cavallino; Eugenio Imbriani “L’ultimo canto”. Nella stessa giornata di venerdì alle 19.15 presso il chiostro di San Benedetto si potrà assistere all’atto unico con Luigi D’Elia “Cammelli a Barbiana. Racconto su Don Lorenzo Milani”.

Infine, nella giornata di sabato 21 ottobre presso il chiostro del Museo Mapri, dalle ore 17.00, si potrà partecipare alle presentazioni dei libri di Ariane Baghai “Il leone impagliato. Un caso per l’ispettore Alem Eshetu; e di Eugenio Barba e Nicola Savarese “Cinque continenti del teatro. Fatti e leggende della cultura materiale dell’attore”. La serata si concluderà con una conversazione con Ferdinando Boero e i pescatori della Cooperativa Emma su “Narrami, o mare nostrum”.

Nel corso delle tre giornate sarà possibile partecipare alle visite guidate al mosaico con rappresentazione del Labirinto di Creta, conservato nel Museo Ribezzo di Brindisi, a cura del Gruppo Archeologico Brindisino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento