Aree costiere, conflitti e rischi: lezione interattiva con gli studenti

Si conclude il ciclo di “Sustainability Seminar” condotti a gennaio 2020 nell’I istituto Superiore Carnaro-Marconi-Flacco-Belluzzi

Si conclude il ciclo di “Sustainability Seminar” condotti a gennaio 2020 nell’I istituto Superiore Carnaro-Marconi-Flacco-Belluzzi. I prossimi due mesi coinvolgeranno istituti provinciali e non  A metà gennaio la dottoressa Giulia Motta Zanin, ricercatrice del Politecnico di Bari, ha tenuto il seminario “Conflitti e rischi nella gestione delle aree costiere” presso la sede nautica dell’istituto comprensivo.

L’incontro aveva l’obiettivo di far comprendere agli studenti la complessità delle aree costiere al fine di gestirle nella maniera più sostenibile possibile.Dopo una breve introduzione sul processo di urbanizzazione delle aree costiere del Mediterraneo e della Puglia, l’incontro si è svolto cercando di portare gli studenti a partecipare attivamente.

65b11d28-d05b-4fc7-ae85-5fc46cd0974c-2

“La lezione è stata interattiva con questionari da compilare tramite QRcode. Gli studenti sono stati molto partecipativi anche nel fornire informazioni puntuali sull’innalzamento delle acque. Coordinatore interno del progetto, l’ingegnere Giulio Teodoro Maiellaro, aiuterà i ragazzi a sviluppare il progetto che gli studenti e studentesse presenteranno a Maggio. Sono davvero felice che questo progetto stia riscontrando entusiasmo ed interesse.” dice l’organizzatrice Livia Dell’Anna.

5bfcb88a-133a-4951-8371-3d368564a36e-2

A fine gennaio l’ingegnere Stefania Santoro , del Politecnico di Bari, è passata dalla teoria ala pratica con una lezione su “Resilienza urbana: rimedi naturali e sostenibili” (nature-based solutions for sustainable and resilient cities). La ricercatrice ha dato agli studenti del Geometra (ultimo anno iscritto al corso) un esercizio di stampo ingegneristico finalizzato all’implementazione delle Nature Based Solution (Nbs) nella città di Brindisi.

edffd0de-e3dc-4900-bdab-1c3065f85999-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’esercitazione la classe, suddivisa in due gruppi, planimetria della città alla mano corredata da una scheda tecnica di Nbs/benefici connessi. “Gli studenti e le studentesse hanno pensato a innovative potenziali azioni green da implementare nella nostra città. È stato stupefacente ascoltare le loro proposte, aspetto con ansia Maggio per conoscere il progetto che presenteranno. Nel mentre invito i cittadini a partecipare al questionario sul rischio alluvioni a Brindisi https://rischioalluvionebrindisi.webnode.it/" conclude l’organizzatrice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rilascio permesso raccolta funghi e rinnovo, i corsi del Gal Alto Salento

  • Cooperazione europea per il Polo “Messapia”: al via l’Erasmus plus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento